Emergenza Cinghiale: Regione Campania approva piano di controllo della specie

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
La Giunta regionale, nel corso della seduta odierna, ha approvato il “Piano di gestione e controllo del cinghiale in Regione Campania”, contenente le modalità di gestione ordinaria e di controllo straordinario della specie sull’intero territorio regionale ad eccezione dell’Ente Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

“Questo Piano – dichiara Franco Alfieri, capo della segreteria del Presidente De Luca – è un tassello fondamentale della più articolata strategia di questa Amministrazione che, recependo le istanze degli attori istituzionali ed economici, mira ad affrontare e risolvere l’emergenza cinghiali sull’intero territorio regionale. L’obiettivo è contenere l’aumento delle popolazioni di questa specie che, negli ultimi anni, ha arrecato gravissimi danni alle colture agricole oltre ad influire negativamente sugli incrementi riproduttivi di diverse specie faunistiche rilevanti per la conservazione dell’ecosistema”.

Il Piano, coordinato dal CRIUV (Centro di Riferimento Regionale per l’Igiene Urbana Veterinaria) ed elaborato dal gruppo di lavoro dell’Università “Federico II” di Napoli, è stato approvato dall’ISPRA ed ha avuto parere favorevole dall’Ufficio VIA della Regione.
Sono previste una serie di misure (prelievo in selezione, catture e girata) volte ad assicurare una gestione ottimale della specie in funzione delle caratteristiche ambientali e delle attività antropiche nelle varie aree.

Il Piano è pertanto è suddiviso in due parti: gestione ordinaria (aree a caccia programmata; prelievo nelle aree vocate mediante la braccata) e controllo straordinario (aree non vocate, aree a controllo mediante prelievo selettivo, girata e/o catture). Dal punto di vista territoriale, la gestione è differenziata in: aree vocate; aree di caccia di selezione; aree a controllo (o a media vocazione); aree non vocate. Il piano sarà applicato dagli Ambiti territoriali di caccia, dagli enti gestori delle aree protette e degli istituti faunistici regionali.

Le misure proposte nel Piano sono state ampiamente sperimentate nella gran parte del Parchi nazionali e in numerosi parchi regionali o aree protette e non ed assicurano la massima selettività, annullando gli effetti negativi sugli habitat e le specie inseriti o meno nei formulari Natura 2000. Da evidenziare, infine, che l’implementazione del Piano nelle aree protette della Campania è affidata agli Enti gestori, cui compete la definizione di tempi e modalità di intervento per preservare l’habitat e specie di particolare interesse conservazionistico su scala locale, nazionale e comunitaria.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. affrontare e risolvere l’emergenza cinghiali sull’intero territorio regionale….. ma dico io
    …. il problema non è il cinghiale…. il problema l’essere “UMANO” che si prende lo spazio del cinghiale tagliando alberi, boschi e montagne intere per fare il suo interesse….gli intrusi siamo noi…no i poveri animali indifesi

  2. Se avessi un campo coltivato con sudore e la mattina lo troveresti distrutto faresti meno filosofia, oramai c’é ne sono talmente tanti che sono a ridosso delle grandi città, spera se hai una macchina che non te lo vedi sbucare dal bordo strada ….

  3. Ma quando la regione varerà un piano di controllo per la specie SALERNITANI che oramai vagano liberamente come le CAPRE?

  4. concordo per il piano di controllo per la specie capre salernitane, purtroppo prima bisogna risolvere il problema della Specie Munezza Napoletana e cercare di bonificare le aree ad alta densità di rifiuti.

  5. date nomi, non restate nell anonimato, salerno città di zombie che vanno a comprarsi le troghe a napoli

    cinghiali liberi!!!!

  6. Se avessi un campo coltivato con sudore…. certo che si… ma se il campo lo vai a fare nei pressi di un bosco o dove vivono gli animali selvatici…penso che in quel momento sei tu che ti stai servendo del loro spazio in modo selvaggio… siamo noi gli intrusi… i boschi e casa loro.. lasciamoli vivere in pace nel loro spazio… l’uomo e bastardo… non si controlla, sta distruggendo tutto, si vede anche da queste piccole cosa. poveri animali

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.