Bando per periferie, Governo gela la Campania: a rischio 90 mln

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
“Dopo l’esclusione di Ischia dal decreto a favore dei comuni terremotati, arriva un’altra brutta notizia da un Governo che si conferma a trazione leghista e nemico del Sud e della Campania in particolare”.
Lo hanno detto i Davvero Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale di Avellino, Gianluca Festa, per i quali “se davvero, con il milleproroghe si sospenderanno i trasferimenti di quanto dovuto per i progetti vincitori del Bando per le periferie, le città campane che hanno presentato progetti validi e finanziati saranno tra quelle più penalizzate”.
“A contare su quei soldi per avviare e portare a termine progetti di riqualificazione delle periferie ci sono i comuni di Avellino, Napoli e Salerno e la Città metropolitana di Napoli che hanno ottenuto un finanziamento complessivo di oltre 91 milioni di euro” hanno aggiunto Borrelli e Festa per i quali “i Parlamentari campani del Movimento Cinque Stelle, visto che quelli della Lega sembrano ormai diventati difensori solo degli interessi del Nord, facciano sentire la loro voce e impediscano quest’ennesimo scippo per la Campania, anche perché un blocco dei finanziamenti su opere già programmate porterebbe a contenziosi che farebbero perdere altri soldi ancora”.
“Chiediamo al sindaco di Avellino, Ciampi, di farsi portavoce con i Parlamentari dei Cinque Stelle affinché trovino il modo per impedire questo blocco dei finanziamenti che sono necessari per portare avanti progetti che mirano a chiudere la pagina dell’emergenza casa nata dopo il terremoto del 1980” ha concluso Festa per il quale “siamo di fronte a una battaglia che va oltre il colore politico, ma investe il Sindaco in quanto rappresentante degli interessi degli avellinesi che, con il blocco di quei finanziamenti, sono calpestati, motivo per cui, in mancanza di un impegno concreto del primo cittadino, siamo pronti anche ad andare a manifestare a Roma”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Questo emendamento scellerato che congela i fondi per il bando periferie non danneggia solamente la Campania e il sud ma 96 comuni in tutta Italia. Compresa Varese, la mia città, estremo nord (nonché città dove la Lega è nata, ora amministrata dal centrosinistra), a cui toglierebbero 18 milioni per sistemare l’intero comparto delle stazioni, un intervento che la mia città attende da anni. Spero, perciò, che tutti i comuni interessati facciano squadra per far cancellare questo emendamento assurdo nel successivo esame alla Camera, per il bene dei comuni campani, lombardi e di tutta Italia. Saluti cordiali

  2. Propaganda comunista! Quelli a rischio sono progetti che già precedentemente erano stati bollati come inutili,mal concepiti o segnati da una forte “spinta” clientelare. Come nel buon costume sinistroide!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.