Farmaci falsi e scadenti: cresce diffusione nei paesi in via di sviluppo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un nuovo studio dell’Università della Carolina del Nord con sede Chapel Hill, ha rivelato che le medicine scadenti e contraffatte, comprese le medicine per curare la malaria, sono un problema serio in gran parte del mondo.

Nei paesi a basso e medio reddito, oltre il 13% delle medicine essenziali che soddisfano i bisogni prioritari dell’assistenza sanitaria della popolazione rientrano in questa categoria. Quando si guarda specificamente ai paesi africani, la percentuale di farmaci non conformi e falsificati sale a quasi il 19%.

I ricercatori hanno analizzato 96 precedenti studi su farmaci falsificati e scadenti e ciascuno degli studi ha testato più di 50 farmaci. Il team ha scoperto che gli antimalarici e gli antibiotici erano le medicine più comunemente vendute in condizioni non standard o falsificate. Nei paesi a basso e medio reddito, il 19% degli antimalarici e il 12% degli antibiotici sono al di sotto degli standard o falsificati.

“La prevalenza di farmaci scadenti e contraffatti è un problema sostanziale di salute pubblica perché questi farmaci possono essere inefficaci o dannosi e possono prolungare malattie, causare avvelenamento o portare a pericolose interazioni farmacologiche”, ha affermato Sachiko Ozawa, professore associato presso la University of North Carolina a Chapel Hill nell’UNC. Eshelman School of Pharmacy.

“Il nostro studio dimostra che è necessario uno sforzo globale concertato per migliorare la gestione della catena di approvvigionamento per i farmaci e per identificare soluzioni a questo problema sottovalutato”.

I ricercatori hanno utilizzato cinque database per studi relativi a farmaci non conformi e falsificati. Hanno esaminato 256 studi e incluso 96 studi nella loro analisi. “Abbiamo bisogno di più collaborazione globale per attuare le leggi sulla qualità dei farmaci, aumentare la capacità di controllo della qualità e migliorare la sorveglianza e la condivisione dei dati”, ha detto.

L’analisi del team ha trovato informazioni limitate sull’impatto economico dei farmaci di scarsa qualità, con stime delle dimensioni del mercato che variano ampiamente da 10 a 200 miliardi di dollari.

Le medicine scadenti e contraffatte possono gravare sui sistemi sanitari deviando risorse a terapie inefficaci o dannose e causano costi di trattamento aggiuntivi e una minore produttività dei lavoratori a causa di malattie curabili, ma questi effetti non sono stati misurati.

Per quanto concerne la casistica delle falsificazioni, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il 32% dei farmaci contraffatti non contiene principio attivo, il 20% ne contiene quantità non corrette, il 21,4% è composto da ingredienti sbagliati, il 15,6% ha corrette quantità di principi attivi ma un packaging falso e l’8,5% contiene alti livelli di impurità e contaminanti.

Giovanni D’AGATA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.