Salerno: torna la paura per il Viadotto Gatto dopo il crollo a Genova

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
L’incubo di Salerno ha un nome ed un cognome: Alfonso Gatto. Ma il poeta che ha reso grande Salerno non c’entra. C’entra l’opera che porta il suo nome, il Viadotto Gatto i cui lavori di realizzazione cominciarono nel 1965-66 in una epoca storica in cui il Porto di Salerno non era così sviluppato, i tir non pesavano tanto e i volumi di traffico erano decisamente ridotti rispetto ad oggi.

E’ “l’incubo infinito della città di Salerno ‘ come scrive oggi Carla Errico sulle pagine de Il Mattino. Un incubo perchè dopo il crollo del ponte di Genova ancora nessuno ha saputo dire quanto sia sicuro e stabile il viadotto Gatto. Lo studio di monitoraggio, il primo nei quarant’anni di vita dell’opera, commissionato dal Comune e iniziato il 2 maggio scorso, non è stato ancora consegnato dalla ditta incaricata a Palazzo di città.

La tragedia di Genova ha riaperto la discussione sulla sicurezza dell’opera che collega il porto con le autostrade ma serve anche per indirizzare la viabilità nella zona ovest della città da e verso la Costiera Amalfitana, Cava e l’Agro.

«Da quando è stato costruito, il viadotto Gatto non è mai stato oggetto di una verifica infrastrutturale completa». (foto 1977 –  dell’arch. Paolo Ferraiolo trovata sul web)

È questa la conclusione cui giunge, a maggio 2017, la commissione trasparenza del Comune di Salerno presieduta da Antonio Cammarota dopo aver raccolto l’sos di alcuni cittadini, preoccupati per la caduta di calcinacci e corpi ferrosi dal gigante aerostradale.

Tre mesi di audizioni con tecnici e dirigenti, i quali descrivono gli interventi eseguiti sul viadotto dal 2005 ad oggi: sono una quindicina, soprattutto rifacimento dei giunti e del manto stradale. Rattoppi. Un check-up completo, no. «Mi pare evidente – dice a lavori conclusi il presidente della commissione, Antonio Cammarota – che tutti questi interventi raccontano un’arteria sicuramente importante per l’accesso alla città, ma, allo stesso tempo, di una parte di viabilità sottoposta continuamente a sollecitazioni importanti.

Quello della sicurezza è un problema serio», chiosa Cammarota, consigliere di opposizione a palazzo di città. Si aspettano i risultati delle indagini e dei monitoraggi- si legge sempre su Il Mattino- . Salerno aspetta ma dopo i fatti di Genova il viadotto Gatto oggi fa più paura

LA REPLICA DEL SINDACO NAPOLI. «Il Comune di Salerno, per quanto di sua competenza, svolge una costante opera di monitoraggio delle infrastrutture presenti nel territorio comunale. A tale riguardo giova
ricordare, insieme ai complessi lavori attualmente in corso sulla Tangenziale a cura dell’Anas, che l’Amministrazione Comunale ha affidato alla società Istemi il compito di svolgere una verifica statica e funzionale del Viadotto Gatto. Tale attività, in corso dallo scorso mese di maggio, si sta espletando minuziosamente attraverso prove di carico, rilievi, droni ed ogni utile ausilio tecnologico. La consegna della relazione finale è prevista, come da cronoprogramma, a breve». Afferma il sindaco Napoli

 

SULLA PAGINA FACEBOOK ‘SOLO PER CHI AMA SALERNO’ LE FOTO STORICHE DEL VIADOTTO. CLICCA QUI

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. io spero vivamente che il comune di salerno, dopo il crollo avvenuto a genova, spenda i soldi per mettere in sicurezza il Viadotto Gatto, evitando di far passare camion pesanti , e di non buttare al vento i soldi per il concerto di capodanno e per pagare oro attori che inagurano le luci. la vita è la cosa più importante e nel 2018 non si può morire per l’inefficenza e il menefreghismo delle istituzioni. in più voglio dire che i fuochi fatti ieri sera si potevano evitare, vista la tragedia accaduta, alle volte la tradizione si potrebbe fermare in questi casi

  2. per quanto mi riguarda non è mai andata via,anzi,se posso evitarlo lo faccio con molto piacere

  3. questi due che parlano usano frasi e commenti di circostanza, è il tempo di agire e mandare in galera chi non fa i controlli, altro che le chiacchiere di de luca che dice che non è il momento di fare polemiche(che parole vergognose)ormai le parole dei nostri due politici cittadini non fanno più testo, il 4 marzo la gente li hanno mandati a casa ma loro due non se ne sono ancora accorti, sò distratti…….

  4. Non esiste la sicurezza quando si manutiene un oggetto pericoloso : è come maneggiare la pistola con il colpo in canna… può partire il colpo !!! L’unica cosa che si deve assolutamente fare è abbattere il viadotto nel tratto Olivieri- Porto quando le gallerie di Porta Ovest saranno completate. Altro non esiste perchè qualsiasi manutenzione, anche capillare, non può garantire sicurezza!!!

  5. ….e di più….ma quanto costerebbe questa continua manutenzione? Ho il sospetto che con le manutenzioni il viadotto Gatto diventi un business vero e proprio. E noi a pagare !! Ma dove si è visto che i cittadini debbano essere tassati per una simile bruttura che diventerà anche inutile con le gallerie aperte. Ma siamo masochisti o scemi? Continuiamo a interrogarci senza abbatterlo…. e arriveremo a tragedie!

  6. Brava Cittadina delle 11.22 concordo pienamente. Attivazione tunnel subito e demolire quel mostro. Per i fuochi avete fatto una pessima figura.

  7. Intanto si continua a tergiversare su una misura che potrebbe servire ad alleviare il volume di traffico che insiste sul viadotto. Cosa devono valutare ancora, tecnici e dirigenti, prima di assumere la decisione di ripristinare il doppior senso di marcia – limitatamente a veicoli leggeri e autovetture – sul tratto di via B. Croce fino alla confluenza con via Indipendenza e via Sabatini?

  8. Secondo il mio modesto parere bisogna completare le gallerie di porta ovest, affidando l’incarico a ditte che stanno bene alla magistratura, così si completa al più presto senza che nessuno scassa il c… Dopo ciò bisogna abbattere il viadotto e rimodulare il traffico veicolare anche con un ripristino solo per vettura e mezzi fino a 3,5 t il doppio senso su via Benedetto croce, così non ci sarà pericolo per nessuno

  9. Bisogna assolutamente e urgentemente completare la galleria di Porta Owest. Il doppio senso su Via Benedetto Croce, aiuterebbe molto.

  10. Sorrido quando leggo i commenti “abbattere subito il viadotto e aprire la galleria porta Ovest” sono gli stessi che tempo fa si opponevano alla costruzione della galleria ovest, in ogni caso oltre a questo viadotto e la galleria andrebbero verificati pure i ponti autostradali tra Salerno e Vietri, andrebbe allargato il tratto autostradale Salerno-Napoli perchè troppo trafficato da tir, all’altezza di Cava de’Tirreni addirittura c’è lo spigolo di un palazzo a 3cm dall’autostrada, è inutile dire è meglio abbattere e ricostruire tutto nuovo tanto il costo tra il nuovo e la manutenzione è poco, non ci sono i soldi!! Serve un piano Marshall, ma se al governo abbiamo i Nazionalisti anti-Europa come vogliamo ricostruire? purtroppo senza i fondi e l’aiuto di altri paesi europei non potremmo fare niente, la Polonia stà diventando una grande nazione grazie ai fondi europei, poi fanno il raduno dei neonazisti-cristiani che tanto piace a Salvini e al padre fascistello di Di Maio

  11. CittadinO ore 11:13 :sei un idiota!
    Hai formulato un commento che più idiota non si poteva.
    Viva tutta la confusione che c’è in Italia, viva il proliferare di crimini e delinquenza importata fresca fresca ed accettata ed avvallata da italioti come te! Viva la rovina del paese, viva l’Europa che a noi NON CI CACA PROPRIO, viva i parassiti nullafacenti (suppongo come te), e soprattutto. …..LA COLPA È DI SALVINI ch’è raSSista ed è colpa pure sua che crollano i ponti.
    Che tristezza nel constatare che siamo un popolo di dementi belanti, senza ideali e senza futuro. Anzi no, con un futuro da parassiti che camperanno con le pensioni che ci offriranno le “risorse”.

  12. Per quanto mi riguarda, non ho mai avuto piacere per Salerno avere questo Viadotto Gatto. Soprattutto perché non è solido, poi perché è un pugno nell’occhio a Salerno. Credo che al più presto deve essere abbattuto senza ma e senza se. Poi per quanto riguarda la situazione tasse, mi chiedo: paghiamo tassa di circolazione, assicurazione, revisione e caselli autostradali…poi crolla la strada, crolla il ponte..trarre voi una conclusione..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.