Nubifragio sui diportisti a largo delle coste del Cilento, 17 persone soccorse

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
In estate spesso accade che, nelle ore pomeridiane, l’aria calda del suolo sollevandosi entri in contatto con un’atmosfera più fredda creando una “bolla termica”. Questa, a sua volta, espandendosi, complice la bassa pressione presente in alta quota, crea una grande nube temporalesca dal colore scuro (il cosiddetto cumulonembo), che produce pioggia, fulmini e venti forti.

È quanto accaduto nel pomeriggio del 14 agosto lungo la costa cilentana, dove in pochi minuti le condizione meteomarine sono cambiate, dando luogo ad un nubifragio con raffiche di vento fino a 30 nodi. Il temporale che si è abbattuto sui diportisti ha creato momenti di tensione e paura, soprattutto per gli equipaggi delle unità di dimensioni più modeste, quali gozzi e gommoni, alcuni dei quali nell’areale di interesse (tra Capaccio Paestum e Ascea) sono andati in secca (soprattutto all’altezza di Punta Licosa) mentre altri si sono capovolti, fortunatamente senza conseguenze per le persone presenti a bordo.

A partire dalla ore 16:15 numerose chiamate di soccorso sono pervenute alla Sala Operativa della Guardia Costiera di Agropoli. Complessivamente le dipendenti motovedette SAR CP 855 e CP 582 hanno portato in salvo 17 persone, le operazioni si sono concluse nell’arco di 40 minuti, pressappoco la durata della fase più intensa del temporale.

Lo specchio acqueo antistante il porto di Agropoli, si è improvvisamente riempito di imbarcazioni da diporto di ogni tipologia e dimensione che facevano rientro alla ricerca frenetica di un posto di ormeggio o di ridosso.

Questa “corsa verso il rifugio”, invero, ha rappresentato un ulteriore elemento di criticità rispetto alla tempesta in atto, in quanto la Sala Operativa della Guardia Costiera ha dovuto gestire contestualmente l’improvviso sovraffollamento delle vie d’acqua portuali; a tale scopo sono state impegnate anche delle pattuglie a terra nell’intero sorgitore che hanno anche prestato assistenza ai concessionari dei pontili.

È bene rammentare come in tali circostanze l’esperienza marinaresca suggerisca di rimanere all’ancora, in rada, o in navigazione, in attesa che la forza del temporale si dissipi in poche decine di minuti; ciò è vero per le imbarcazioni a motore di grandi dimensioni progettate per resistere a questi fenomeni meteomarini, ma soprattutto per le imbarcazioni a vela.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.