Mamma di Nocera accusa malore sull’A/1: Polstrada accudisce bimbi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Tutto bene quel che finisce bene. Brutta disavventura capitata a una donna di 42 anni che, la notte scorsa, ha avvertito un malore mentre percorreva l’A/1 con i suoi bimbi a bordo, uno di 7 e l’altro di 8 anni. Lei, originaria di Nocera Inferiore (SA) ma residente vicino Verona, poco dopo la mezzanotte si è fermata, alla guida di una Renault, presso l’area di servizio di Badia Al Pino, dicendo al benzinaio di stare male.

A quel punto sono scattati i soccorsi e sul posto sono giunti subito un’ambulanza e una pattuglia della Sottosezione di Battifolle. E’ stata adagiata sulla barella ma ha rassicurato tutti, dicendo che non era necessario accompagnarla in ospedale e che si sentiva in grado di proseguire il viaggio. In realtà la donna non stava bene, ma il suo pensiero era per i bimbi piccoli che non voleva lasciare soli.

Con cautela è stata accompagnata in bagno, ma lì ha perso l’equilibrio cascando per terra e, a quel punto, è stata condotta d’urgenza presso l’Ospedale San Donato di Arezzo. Prima di partire i poliziotti le hanno promesso che ci avrebbero pensato loro a distrarre i figli e a farli sentire proprio come a casa.

E così è stato, tant’è che gli agenti hanno iniziato a giocare con i bambini a guardie e ladri e, per creare l’ambiente adatto, li hanno fatti salire sulla macchina della Polizia facendogli vedere tutti i pulsanti sul cruscotto, compresi quelli dei lampeggianti e della sirena. Una volta giunti in caserma, i giochi sono proseguiti con un altro poliziotto, che non ha ancora figli ma che gli piacciono da morire. Lui, che sapeva dell’imminente arrivo dei due bimbi, si è fatto trovare pronto con dei fogli di carta, su cui loro hanno disegnato e colorato, divertendosi pure a stamparci sopra una montagna di timbri in dotazione alla Stradale. Nell’attesa che giungesse il loro babbo, che si trovava fuori per lavoro, la distrazione è proseguita con la visione di tanti cartoni animati alla televisione.

All’alba è terminato tutto, quando in caserma si sono presentati insieme la madre e il padre per poter finalmente riabbracciare i figli. Nulla di grave per la donna, che aveva accusato solo una congestione alimentare. Per i bimbi, sicuramente il dispiacere di vedere la madre in ambulanza, ma anche il ricordo dei volti di quei poliziotti, con i quali hanno trascorso qualche ora a giocare.

Fonte VersiliaToday

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Queste sono storie dell’Italia vera, quell’Italia che ci manca e che ci fanno capire che ci sono persone che amano il prossimo, il proprio lavoro e sono pronto a fare tutto per la propria Nazione e che andrebbero considerati un po’ in più dai governanti. Ma forse qualcosa sta cambiando

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.