Picchiato a sangue mentre era con la famiglia al bar: s’indaga

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Pestaggio in pieno centro a Battipaglia. Un uomo è stato picchiato a sangue mentre era con la famiglia seduto al tavolo di un bar. Il raid pare sia stato scatenato da futili motivi

In quattro, come riporta il quotidiano “La Città di Salerno” l’avrebbero riempito di botte per futili motivi.

L’uomo è stato trasportato dai sanitari del 118 presso l’ospedale “Santa Maria della Speranza” di Battipaglia dove ha avuto due settimane di prognosi.

Sul caso indagano gli agenti della Polizia di Stato, diretti dal Vicequestore Immacolata Acconcia, intervenuti sul posto. Secondo indiscrezioni che dovranno essere confermate dalle indagini, all’origine della rissa ci sarebbe uno sguardo di troppo degenerato ben presto in rissa.

I quattro, dopo la violenza, si sono dileguati, lasciando il malcapitato a terra

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. altro che città e provincia europea, per uno sguardo di troppo ancora oggi si va a finire in ospedale, dovrete fare ancora passi da gigante per evolvere voi umani…..

  2. Tempo fa un immigrato che ha tentato di stuprare in pieno centro una ragazzina, ieri l’acido in una lattina di pepsi, oggi il pestaggio per uno sguardo di troppo e potrei fare tanti altri esempi di crimini che vengono commessi in pieno centro in pieno giorno, alcuni persino dinanzi al municipio…non posso che fare i miei più sentiti complimenti al sindaco di battipaglia per il suo saper tenere fermamente le redini della città, l’Italia ha bisogno di politici competenti come Lei. Si candidi alle prossime politiche nazionali, mi raccomando

    Mario

  3. E cosa dovrebbe fare il Sindaco, secondo te. Mettere un vigile davanti ad ogni bar per tutta la durata dell’orario di apertura? E se c’è un folle che mette l’acido nelle lattine, quale misura profilattica appronteresti tu se fossi il Sindaco? E per finire, la storia dell’immigrato che ha tentato lo stupro era una bufala.

  4. Mi linki dove c’è scritto che è una bufala? I giornali nazionali riportano che l’immigrato è stato arrestato, mi riferisco al caso della 13 enne che è stata molestata e solo grazie al cugino (che è stato picchiato) non è stata violentata. Mi sa che la bufala è la notizia della bufala. Ad ogni modo se tu fossi mai stato a Battipaglia ti saresti reso conto che spacciano in pieno giorno nella piazza principale e episodi di microcriminalità sono all’ordine del giorno. Avvengono perchè chi li commette sa di farla facilmente franca, per evitarlo andrebbero intensificati i controlli. Invece non c’è un rappresentate delle forze dell’ordine nemmeno a pagarlo oro, soprattutto quando se ne sentirebbe più la necessità. Se invece per te questi sono episodi sporadici non so cosa dirti, evidentemente hai vissuto nel bronx

  5. Hai buttato allaria mesi di indagini con un commento, li avevamo quasi presi…ma vaf….ul!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.