Uccise Natalino e violentò la fidanzata per il Pg sono pochi 20 anni di carcere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
Uccise Natalino Migliaro per rapinarlo e poi violentò la fidanzata. Per i reati di omicidio, rapina e violenza sessuale Ionut Alexa Ionut Alexa è stato condannato a 20 anni di reclusione con il rito abbreviato.

Il procuratore generale, Leonida Primicerio, ha così appellato in Cassazione, la sentenza emessa dai giudici della Corte di Appello chiedendo un nuovo giudizio di merito proprio sull’esclusione delle aggravanti che i giudici di secondo grado hanno concesso all’imputato. A darne notizia il quotidiano Il Mattino oggi in edicola

Per il Pg che è ricorso in Cassazione, non è così e nei motivi di appello spiega come «nella grave vicenda delittuosa risulta in maniera oggettiva ed inequivocabile il rapporto di strumentalità tra la violenta e brutale aggressione al Migliaro e la successiva richiesta su dove fossero i soldi nonchè l’ulteriore sottrazione della borsa della fidanzata e dei telefoni cellulari delle due vittime» .

E ancora continua l’appello «la vicenda in esame, per come fattualmente verificatasi, evidenza appieno la natura strumentale dell’aggressione al Migliaro se considerata insieme alle circostanze di tempo e luogo in cui essa si è verificata rispetto alla successiva rapina commessa, finalità principale dell’azione criminosa come dimostrato dalla sottrazione della borsa della ragazza oltre che ai telefonini».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Finalmente, questa è la magistratura che vuole l’Italia, non quei senza Diritto privi di senno solo in cerca di pubblicità mediatica. Speriamo che a breve lo avremo a Capo della Procura Salernitana. Bravo!

  2. Tagliate mani piedi lingua e uccello così da dover dipendere da qualcuno per il resto della vita senza potersi esprimere ma pitendo solo ascoltare. Credo possa servirgli per riflettere su quanto commesso. In certi casi anche la pena di morte sarebbe una liberazione,questo invece deve soffrire!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.