Crollo costone a Procida: intervento della Società Geologica Italiana

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa

Procida, Ischia, Ventotene e le altre isole vulcaniche italiane. Tragedie sfiorate, tragedie consumate che continuano a ricordaci dell’estrema fragilità del nostro territorio soprattutto in aree vulcaniche. E’ di ieri la notizia dell’ennesima frana da crollo che ha sfiorato alcuni bagnanti alla spiaggia di Chiaia a Procida.

Una baia di incantevole bellezza punteggiata da un borgo multicolore e da una sottile spiaggia a ridosso della ripida falesia segnata dalle tante eruzioni avvenute sull’isola da oltre 70.000 anni. Rocce piroclastiche legate a eruzioni esplosive facilmente erodibili e quindi inclini a fenomeni di crolli.  Sono aree segnalate dai ricercatori e dagli organi preposti a cui si dovrebbe dare la massima attenzione al fine di evitare tributi in termini di vite umane.

La Società Geologica Italiana, ente morale che da sempre ha fatto della divulgazione scientifica, oltre che della ricerca, il suo vessillo, da anni conduce una battaglia affinché si dia finalmente corso alla ripresa del progetto CARG nazionale al fine di rendere uno strumento fondamentale per la conoscenza del territorio e per una migliore pianificazione.

La conoscenza del territorio è prioritaria a ogni attività umana e di sviluppo. E la conoscenza del territorio passa necessariamente per la figura professionale del geologo, spesso dimenticata in questo Paese.

In un paese nel quale la cartografia geologica nazionale (CARG) è ferma alla copertura del 50% del territorio nazionale da più di quindici anni per mancanza di finanziamenti finalizzati, l’Isola di Procida dovrebbe rappresentare un esempio positivo perché è oggi disponibile una carta in scala 1:10.000 edita dalla Regione Campania, quale stralcio del progetto CARG al 50.000.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Caro Biagio, le caratteristiche che elenchi sono assolutamente importanti. Vanno ad integrare quelle che sono le caratteristiche geologiche dei terreni, fondamentali quanto le altre, spesso preliminari. Le diverse informazioni scientifiche devono dialogare fra loro per il perseguimento dell’obiettivo della Conoscenza, quindi Prevenzione. Questo mio ragionamento è puramente “logico” e prescinde da disquisizioni di carattere politico, da CARG o meno e da presunti interessi. Saluti

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.