Doppio suicidio Pagani, Comitato Diritti Umani: ”Fare piena luce”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani O.N.L.U.S persegue finalità di solidarietà sociale nei settori della tutela dei diritti umani, in particolare nell’ambito della salute mentale, denunciando ogni violazione alle Autorità competenti.

In questa nota inviata ad istituzioni e non solo si prefigge di segnalare fatti che riteniamo meritevoli di grande attenzione.

 Pagani (SA) ragazza di 27 anni si suicida e la madre trovandola morta si suicida lanciandosi dal balcone. La famiglia era seguita dai servizi sociali e la ragazza dal centro di salute mentale.

Di solito si spiega che la causa scatenante sono state le condizioni psichiche di coloro che hanno compiuto il gesto. In questo modo si perdono di vista alcuni importanti fattori che accompagnano questi comportamenti: l’assunzione di farmaci che agiscono particolarmente sul sistema nervoso. Inoltre questa spiegazione si scontra con una mole impressionante di evidenza scientifica.

–   Negli USA, l’agenzia di vigilanza farmacologica FDA (Food and Drug Administration) obbliga i produttori di molti antidepressivi e antipsicotici ad apporre dei comunicati ben visibili sulle confezioni dei loro farmaci (i cosiddetti ‘black box’ – simili a quelli riportati sui pacchetti di sigarette) con l’elenco degli effetti collaterali più importanti: suicidio, comportamento violento, mania, psicosi ecc.

–    Diversi studi hanno evidenziato la realtà di questo pericolo. Si vedano ad esempio due articoli:

“Emergence of intense suicidal preoccupation during fluoxetine treatment”, dell’American Journal of Psychiatry , in cui si evidenzia come l’assunzione di SSRI possa indurre pensieri e tentativi suicidari anche in coloro che prima non ne avevano, pensieri che spariscono con la sospensione della terapia.

“Emergence of self destructive phenomena in children and adolescent during fluoxetine treatment”pubblicato dal “Journal of the American Accademy of Child and Adolescent Psychiatry

–    Negli USA dove, a differenza che da noi, questi dati vengono spesso resi noti, è noto come la stragrande maggioranza degli atti di violenza insensata (stragi scolastiche, familiari ecc.) siano perpetrati da persone in cura con psicofarmaci. La conseguenza: centinaia di morti e feriti.

–    Med Watch – il sistema usato da FDA per monitorare gli effetti collaterali dei farmaci – comunica di avere ricevuto tra il 2004 e il 2011quasi 13 mila rapporti concernenti il legame tra psicofarmaci e violenza. Tra questi, milleduecento casi di pensieri omicidi/suicidi, quasi tremila casi di mania e oltre settemila di aggressione. E questi numeri – la stessa FDA lo ammette – probabilmente rappresentano solo l’uno percento dei casi: la maggioranza dei pazienti omette di comunicare gli effetti collaterali dei farmaci che assume.

–    In base alle più recenti ricerche, gli effetti descritti si manifesterebbero in una percentuale di pazienti che assumono SSRI che può variare dal 1,3 al 7,5 %. Da allora molti altri studi hanno confermato quanto sopra e pericoli similari sono stati identificati anche a seguito dell’assunzione di antipsicotici.

In allegato un elenco – presumibilmente molto incompleto – di casi di violenza occorsi in Italia, in cui sia stata accertata l’influenza psicofarmacologica.

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani chiede un’inchiesta su questi fatti, nella speranza che si possa un giorno fare piena luce e salvare molte vite.

Restiamo a disposizione per ulteriori informazioni, e porgiamo distinti saluti.

Dr. Elia Roberto Cestari

Presidente Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus

           

 

 

Di seguito altri casi accaduti recentemente in Italia:

A Cupramontana (AN), un uomo di 25 anni uccide il figlio di 5 anni soffocandolo. L’uomo era in trattamento psichiatrico.

A Suzzara (MN), una donna di 39 anni, uccide entrambi i suoi due figli di 2 e 5 anni e tenta il suicidio. Era stata dimessa da poco da una clinica psichiatrica in prov. di MN, dopo aver ricevuto un Trattamento Sanitario Obbligatorio.

 

-A Perosa Argentina (TO), una donna di 31 anni, uccide la figlia di 6 anni con un coltello e si suicida. Era in trattamento psichiatrico.

– A Specchia (LE), un ragazzo di 17anni, uccide la fidanzata di 16 anni. Era in trattamento psichiatrico e aveva ricevuto 3 TSO nello stesso anno.

A Orte Scalo (VT) una donna di 30 anni uccide la figlia di 4 mesi e tenta il suicidio. Era in trattamento con psicofarmaci.

-A Milano, un uomo di 51 anni, manomette il tubo del gas della sua abitazione, causando una deflagrazione che ha portato alla morte la moglie, ferendo gravemente le due figlie di 7 e 11 anni e uccidendo una giovane coppia dell’appartamento vicino. L’uomo era in trattamento psichiatrico assumeva psicofarmaci.

-A Castiglione del Lago (PG), un cinquantottenne  di Vaiano, ha ucciso i suoi figli di 13 e 8 anni a coltellate, ha ferito la moglie poi si è tolto la vita buttandosi in un pozzo. Era in cura al centro di Igiene Mentale.

-Ad Ottaviano (NA), donna getta suo figlio di un anno dal balcone, ora è in prognosi riservata. La donna era in cura per “problemi psichici”.

-A Sturno (AV), un 27enne, uccide entrambi i genitori a colpi d’ascia. Era appena stato dimesso da un centro di igiene mentale.

-A Pagani, un 52enne, uccide l’anziana madre a colpi in testa. Era in trattamento psichiatrico al Centro di Igiene mentale.

-A Reggio Calabria, un 55enne, uccide moglie e suocera con numerose coltellate, era in cura presso uno specialista che gli aveva prescritto degli psicofarmaci.

– A Fontivegge (PG), un 32enne, dopo aver assunto psicofarmaci che prende abitualmente, aggredisce la compagna prendendola a calci e pugni alla presenza dei bambini, tanto da costringerla a fuggire dall’appartamento e a rifugiarsi nel pianerottolo del palazzo. L’uomo, però, l’ha inseguita e, dopo averla raggiunta, l’ha strattonata facendola sbattere contro una finestra, il cui vetro è andato in frantumi. La donna è riuscita ad allontanarsi e l’uomo rimasto solo, è rientrato in casa e ha dato ulteriormente sfogo al suo raptus con gesti di autolesionismo, praticandosi dei tagli agli avambracci con un coltello da cucina.

-A Tortolì, una donna di 36 anni, di Orgosolo (Nu), tenta il suicidio gettandosi in mare con i due figli, un bambino di 4 anni che si è salvato con lei e la figlia di 3 anni che è invece morta. La donna era in trattamento con psicofarmaci.

-A Monza, presso il reparto di Psichiatria dell’ospedale San Gerardo, un 28enne monzese eludendo la sorveglianza del personale del reparto si era impiccato nel bagno della propria camera, recentemente una donna di 53 anni si è suicidata nella sua camera soffocandosi con un sacchetto di plastica. Entrambi erano in trattamento psichiatrico.

-A Viterbo, un sacerdote di 48 anni si suicida. Era in cura con psicofarmaci da tempo.

-A Davagna (GE), un uomo di 53 anni, uccide una donna massacrandola a colpi d’ascia. L’uomo era in trattamento psichiatrico

-A Roma, un uomo di 35 anni uccide la colf di 38 anni, che lavorava nella villetta dove lui viveva in affitto,  decapitandola poi con una mannaia. Era in trattamento psichiatrico, prendeva psicofarmaci e antidepressivi.

-A Seriate (BG) un uomo di 26 anni di Brivio (LC), decide di andare a fortissima velocità sull’autostrada e provoca un incidente dove muore l’amico che era in macchina con lui. Dice poi: “C’era una voce che mi diceva di mettermi a correre”. L’uomo era in trattamento psichiatrico e stava assumendo psicofarmaci in una comunità di Milano.

-A Genova, un prete di 42 anni  si è suicidato, trovato il cadavere in mare a Livorno. Era in cura psichiatrica.

-A Pescara, uomo di 47 anni, uccide il figlio adottato di 5 anni soffocandolo. Era in trattamento psichiatrico.

-A Pesaro, una donna di 46 anni, uccide il marito a calci. Lei era in cura per depressione da diverso tempo a Pesaro.

-A Bari, un 44enne, uccide con 28 coltellate una psichiatra nel centro di salute mentale dove era in cura da diverso tempo

-A Genova, un uomo di 50 anni, si suicida nel suo ufficio, recentemente gli erano stati prescritti degli psicofarmaci“

-A Salerno, un uomo di 45 anni, uccide e fa a pezzi la madre, aveva ricevuto diversi trattamenti psichiatrici

-A Nicolosi (CT), un uomo di 25 anni, strangola e seppellisce la madre, era in trattamento con psicofarmaci.

-A Peurgia, un uomo di 43 anni, spara ed uccide due donne della Regione Umbria e si suicida, era in cura psichiatrica.

-A Casapulla (CE), un ragazzo di 25 anni speaker radiofonico, si toglie la vita, era in cura per depressione.

-A San Bendetto del Tronto (AP), un uomo scappa dal reparto di psichiatria dove era ricoverato da alcuni giorni e torna a casa a picchiare i genitori.

-A Ragusa, un medico di 65 anni, ha tentato il suicidio. Da qualche tempo era in cura psichiatrica.

-A Carinaro (CE), una donna di 33 anni, si uccide gettandosi dalla finestra, da tempo soffriva di disturbi psichici.

-A Seregno (MB), una donna di 58 anni, uccide la pensionata che accudiva. La donna omicida assumeva psicofarmaci.

-A Bologna, una donna di 36 anni, tenta di suicidarsi ferendosi gravemente a causa dello scoppio della bombola del gas, era stata recentemente in cura psichiatrica.

-A Crescenzago (MI), un uomo di 65 anni, uccide la moglie a coltellate e poi si suicida. Era in cura psichiatrica  presso Ville Turro a Milano e assumeva psicofarmaci.

-A Migliarina, fraz. di Carpi (MO), un uomo di 51 anni si toglie la vita. Era in cura presso il servizio di Igiene mentale della ASL.

-A Soverato (CZ), un avvocato di 58 anni si è suicidato gettandosi nelle acque antistanti un lido a Soverato, era in cura per depressione.

-A Mesagne (BR), un uomo di 74 anni, uccide la moglie. L’uomo era in cura psichiatrica da tempo.

-A Vimodrone (MI), un uomo di 64 anni di Brugherio (MI), si suicida gettandosi sotto il treno della metropolitana. Era in cura psichiatrica da tempo.

– A Rovereto (TN), un uomo di 35 anni, uccide il sacrestano della chiesa. Era in cura psichiatrica da tempo.

– A Mondovì (CN), un uomo di 58 anni, si da fuoco e muore. Si era rivolto in più di un’occasione al Centro di igiene mentale di Mondovì.

– A Maniago (PN) Un uomo di 40 anni ha ucciso la madre a coltellate e poi si è seduto, in attesa di essere arrestato. Era stato in cura un anno prima presso DSM.

– A Siracusa, un 21enne si toglie la vita nella comunità psichiatrica dove era giunto il giorno prima dopo essere stato ricoverato per due anni e mezzo nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Siracusa, dove era trattato con psicofarmaci. Dott. Mario Nicola Vittorio Ferrante

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Quindi che si fa? Riapriamo i manicomi? Ma per favore
    Questo allarmismo insensato è lo stesso che si è generato sui vaccini. Senza psicofarmaci la situazione sarebbe peggiore, oltre al fatto che molto spesso non sono i farmaci a causare reazioni violente o ad indurre il suicidio, quanto piuttosto il decorso stesso delle varie malattie.
    Concludo dicendo che la situazione in america è diversa dalla nostra. Molto spesso i farmaci vengono sovradosati e vengono dati in maniera incongrua da medici non psichiatri. In america costa molto andare da uno specialista, la sanità non è pubblica

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.