I buoni propositi per la ripresa (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Torni dalle vacanze nervoso quanto prima. Le vacanze ti hanno stressato.

Da single, per la vana ricerca della compagna / del compagno.

Da ammogliato / maritata, perché hai riprodotto la vita di tutti i giorni, fra pasti da consumare in famiglia, ragazzi da accompagnare qua e là, signori e signore sulla spiaggia che esibiscono un fisico più prestante del tuo.

Eppure, prima di partire,  avevi fatto palestra dieta banco solare: troppo tardi per notare gli effetti. E allora torni in città carico di buone intenzioni per l’autunno a venire.

Il primo proposito è in linea coi tempi. Hai trascorso l’estate a sentire di immigrati. Gli ambulanti sulla spiaggia ti sono venuti a ufo, una volta gli offrivi riparo sotto all’ombrellone, ora le ronde padane li mandano via. Decidi di credere alle statistiche: il numero degli immigrati è drasticamente calato rispetto all’anno prima.

Il merito va al Ministro che difende pugnacemente le patrie coste? E’ la conseguenza dell’aumentato rischio in mare dopo che le navi ONG hanno sgomberato? I flussi si dirigono  verso l’accogliente Spagna che si sta saturando? Sarà quel che sarà, ora si tratta di sistemare quelli che stanno qui. Non riusciremo a rimpatriarne 600 mila. Ma chi li ha mai visti? – diceva Totò dei contanti.

I migranti saranno dispersi fra le campagne e gli anfratti cittadini, ci vorrebbe un convoglio aereo di migliaia di velivoli con a bordo migliaia di agenti per portarli indietro. Tu che hai visto “Dunkirk” di Christopher Nolan, capisci che il rimpatrio a Dover fu una gita al confronto.

Il secondo proposito è di seguire l’andamento  dello spread, dell’asta BTP, del rating di Fitch. L’inglese finanziario va per la maggiore, se non lo mastichi sei out-dated, fuori tempo. I tuoi risparmi li affidi all’amico bancario che ti vende i prodotti finanziari con la promessa che “rendono poco ma sono sicuri: garantiti dallo stato”. Quale stato? L’Argentina, meglio lasciare perdere.

Il Venezuela sta peggio. La Cina è un mistero. La Repubblica italiana rischia grosso, almeno così sostengono i tecnocrati di Bruxelles. La propaganda ce l’ha con loro perché non sono eletti dal popolo sovrano. Ma tu mica eleggi il consulente della banca sotto casa. Né eleggeresti il comandante che pilota il tuo aereo o il chirurgo che ti opera. La solita Germania starebbe apprestando un cordone sanitario attorno all’Italia.

Alle strette ci penserà la Troika, lo spauracchio di qualsiasi Ministro dell’Economia dell’euro zona dopo quanto accaduto in Grecia.  Una volta avresti  nascosto i contanti nella valigia del figlio che andava in stage in Svizzera. Ora che la Svizzera è allineata all’OCSE per la trasparenza fiscale, non ti resta che comprare immobili: il mattone resiste alle fluttuazioni.

Il terzo proposito è nell’investire nel capitale umano. Lo ripetono gli economisti, lo affermano i sociologi: siamo ricchi di capitale umano, specie al Mezzogiorno. La tua sommessa analisi empirica ti dice però che questo capitale umano bivacca davanti al bar, e non per generare start-up.  250.000 giovani lasciano il paese.

Torneranno a casa per le vacanze e per  riempire la scarsella di cibi precotti da congelare. Hai voglia a mangiare wurstel e rosti, ad un certo punto aneli la parmigiana di melanzane da riscaldare nel microonde.

Conosco connazionali all’estero, perfettamente integrati nella lingua e nei costumi locali, che  scambierebbero il Rolex di famiglia con una mozzarella di bufala fresca di giornata. Discussioni interminabili fra i fautori di Mondragone  e di Battipaglia, finché non interviene il pugliese con la burrata. E parliamo di cattedratici, imprenditori, clinici, manager.

Il quarto proposito è di guardare meno TV: salvo il calcio beninteso, non essendo spettacolo ma rito laico. Leggere i libri per una conversazione intelligente. Meglio aspettare Natale, qualche libro te lo mettono sotto all’albero, esce di sicuro Camilleri con l’ultimo Montalbano. Che per fortuna è sempre il penultimo.

Il quinto proposito è che mai più come l’estate appena passata. Le prossime vacanze scegli una meta esotica, lontano dalle angustie domestiche, il modello è  la famiglia svedese, non la conosci ma te la descrivono di ampie e libertarie vedute. Per cautela prenoti già la casa per agosto 2019, i suoceri sennò dove li sistemi.

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.