Agricoltura: anche la CIA di Salerno per la difesa del castagno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un milione di cittadini in meno, è la proiezione demografica della Campania nei prossimi anni che riguarderà principalmente le aree interne montane con la scomparsa di intere collettività, è questo un dato allarmante emerso nell’incontro sulle problematiche fitoiatriche del castagno tenutosi il primo settembre presso l’azienda di Salvatore Malerba a Montella, produttore e trasformatore di castagne, alla presenza dell’On.le Franco Alfieri, delegato per l’agricoltura della Regione Campania, il Presidente Nazionale CIA Dino Scanavino il Presidente Regionale CIA Alessandro Mastrocinque, il direttore regionale Mario Grasso i Presidenti ed i direttori provinciali tra cui il presidente CIA di Salerno Gaetano Pascariello.

Gli aspetti scientifici sull’argomento sono stati curati dal prof. Antonio De Cristofaro ordinario presso la facoltà di Agraria del Molise.

La coltivazione del castagno da frutto – oggi a pieno titolo considerata una coltivazione agraria grazie a recenti interventi legislativi regionali che hanno definitivamente eliminato un assurdo obsoleto equiparamento della coltura ai boschi – può e deve rappresentare un baluardo per la salvaguardia delle realtà socioeconomiche montane.

Tale coltivazione però, analogamente ad altri frutteti, non può prescindere dalla messa in atto di moderni sistemi di difesa dai patogeni che l’affliggono e che, a causa dei cambiamenti climatici e della diffusione di insetti esotici, si sono notevolmente diffusi e causano un decadimento quali-quantitativo delle produzioni. Tale è il noto caso del cinipide del castagno, importato nel 2002 in Piemonte, che ha causato un crollo vertiginoso delle produzioni e che oggi viene combattuto biologicamente con un altro insetto parassita utile il torymus.

Una difesa attenta con prodotti ammessi dal Ministero è pertanto una condizione essenziale per la sopravvivenza della coltivazione e richiede la esecuzione di pochi interventi mirati, 4-5 in un anno, certamente molto inferiore ai circa 40 trattamenti che nelle aree montane trentine vengono fatti per le note produzioni di mele acquistate dalle nostre massaie.

Purtroppo la disinformazione e la non conoscenza della materia ha portato spesso ad equivoci sia nell’opinione pubblica sia nelle amministrazioni locali non considerando che i trattamenti in un castagneto, effettuato con prodotti ammessi a bassissima tossicità,  rilascia nell’ambiente quantità di prodotto centinaia di volte inferiori a quelli, simili, rilasciata nei nostri salotti dai collarini antipulci messi ai nostri cagnolini.

L’ignoranza della materia ha portato spesso alla emanazione di provvedimenti amministrativi da parte delle amministrazioni locali che tenderebbero prioritariamente alla salvaguardia dell’insetto utile rilasciato nei castagneti per la lotta biologica al cinipide ed ignorando che fin dal 2014 una ricerca scientifica effettuata dai servizi fitosanitari delle Regioni Campania e Piemonte e dal CNR evidenziava chiaramente l’assenza di effetti negativi derivanti dai trattamenti su tale insetto.

In mancanza di una razionale coltivazione del frutteto le produzioni subiranno nefasti effetti che renderanno sempre meno competitivo il prodotto sui mercati, le conseguenze saranno l’abbandono delle imprese e la riduzione dell’occupazione con seri riflessi negativi sulle delicate realtà socioeconomiche delle aree interne montane.

La CIA di Salerno è in prima linea sull’argomento e  supporterà i produttori castanicoli per ogni problematica inerente la difesa della coltivazione sia mediante la formazione e l’informazione sia tutelando il loro costituzionale diritto ad esercitare l’attività di impresa.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.