Salerno: «Tasso a rischio? La Provincia decida la chiusura»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
«Se il liceo Tasso è a rischio chiusura deve dirmelo la Provincia. La scuola la chiude l’ente».

A dirlo a Il Mattino Carmela Santarcangelo preside del liceo classico Tasso di Salerno alle prese con il rischio crollo di una facciata sul cortile interno.

Il rilascio di un certificato di agibilità dipende dalla presenza del certificato antincendio e della conformità dell’impianto elettrico. Condizioni che – si legge su Il Mattino –  ad oggi non sussistono per il Tasso.

«Allora la scuola deve chiuderla la Provincia – sbotta Santarcangelo – io non chiudo nulla. Ho informato anche il Prefetto della situazione. Il nostro è un liceo abbandonato a se stesso. Si sta voltando le spalle alla storia di Salerno».

«Il Tasso non sta cadendo a pezzi, chiariamolo – aggiunge la dirigente scolastica – ma servono garanzie di sicurezza che un preside non può dare».

LA NOTA DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE TRASPARENZA. “Dopo l’indagine dello scorso anno, che portò alla luce alcune gravi lacune cui seguirono immediati interventi edilizi, benché parziali, anche in occasione dell’inizio di quest’anno scolastico la commissione trasparenza intende far luce sullo stato di agibilità e sulla conformità antincendio e antisismica delle scuole salernitane”.

Lo dichiara in una nota il presidente della commissione trasparenza Antonio Cammarota, che annuncia di aver convocato per mercoledì il dirigente del settore, l’ingegnere Mastrandrea, che dovrà illustrare alla commissione lo stato dell’arte delle scuole nella città di Salerno gestite dal Comune. “Riteniamo”, conclude Cammarota, “che sia imprescindibile un accertamento in sede istituzionale da parte degli organi preposti circa la sicurezza dei minori, anche alla luce degli ultimi avvenimenti in ordine alla sicurezza delle strutture pubbliche”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Ma è possibile giocare con la vita di docenti, personale ATA e studenti perchè, accertata l’annosa latitanza delle istituzioni che vanno avanti a forza di deroghe dalle norme di sicurezza, presidi OTTUSI non prendono una volta per tutte il toro per le corna e si assumono la responsabilità di chiudere le scuole, la dove c’è il minimo rischio per la sicurezza?? Presidi = Rovina della scuola (in tutti i sensi)!

  2. Un po’ di anni fa in Giappone un preside fu condannato a morte perché all’uscita da scuola uno studente cadde per le scale e morì. Scale non a norma. Condannato perché se non lo sapeva era colpevole e se l’avesse saputo colpevole in egual misura. Quanto in Italia cadranno le teste dei capoccioni? Se le cose non si sanno si è colpevoli. Com’è che in questi casi la legge ammette ignoranza??? La preside del Tasso sa.

  3. ma è possibile che non ci sia un filtro alle cose che vengono scritte da persone che palesemente non conoscono l’argomento?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.