Il centro anti-violenza di Atena Lucana nel mirino dello stalker

Stampa
Il centro antiviolenza sulle donne Aretusa, ad Atena Lucana, sotto minaccia telefonica di un possibile stalker.

«Siamo state costrette ad interrompere il servizio telefonico per le emergenze – fanno sapere dal centro che opera nell’ambito del Piano Sociale di Zona S10 – a causa delle continue telefonate di un individuo di sesso maschile, che si serviva del numero verde a disposizione 24 ore su 24 per pesanti molestie verbali».  Lo scrive Il Mattino oggi in edicola.

I Carabinieri di Sala Consilina guidata dal capitano Davide Acquaviva stanno cercando di capire chi possa essere.  Secondo quanto denunciato il molestatore si è presentato al telefono come donna alla ricerca di aiuto ma le domande delle operatrici hanno immediatamente portato all’amara scoperta.

Sull’argomento è intervenuto anche Potere al Pololo con una nota. Ecco il testo.

In queste ore siamo venuti a conoscenza del fatto che il centro anti-violenza sulle donne “Aretusa” di Atena Lucana nel Vallo di Diano è stato costretto a interrompere il servizio telefonico per le emergenze, che fornisce 24 ore su 24, a causa di un molestatore che usufruiva della linea con lo scopo d’ingiuriare verbalmente le operatrici telefoniche.

Siamo di fronte a vere e proprie molestie verbali nei confronti di lavoratrici che cercano quotidianamente di fornire un aiuto a donne che vivono in contesti violenti e che subiscono o hanno subito abusi.

Come “Potere al Popolo – Sele, Tanagro e Vallo di Diano” condanniamo il gesto compiuto dal sopracitato individuo, ogni forma di machismo e di sopruso. Solidarizziamo con le operatrici del centro Aretusa che combattono una battaglia sociale costante a sostegno delle donne succubi della violenza maschile.

Crediamo fermamente, inoltre, che un progetto come quello portato avanti dalle operatrici e volontarie di “Aretusa” sia una fonte di ricchezza per il territorio e uno strumento utile per l’eliminazione di ogni forma di violenza, sopraffazione, stereotipo di genere.

In tal senso, come Potere al popolo, essendo già impegnati in altri territori in progetti simili e collaterali a quello portato avanti da Aretusa, diamo piena solidarietà e sostegno al progetto sotto attacco con la consapevolezza che sia necessario provare a costruire su tutto il territorio provinciale iniziative che rafforzino quelle presenti e ne facciano nascere dove c’è una mancanza.

Siamo, dunque, a completa disposizione per un dialogo che sia costante e di reciproco aiuto su tematiche che toccano nel concreto la vita di centinaia di donne del Vallo di Diano. Contro il sessismo, la violenza di genere, per superare stereotipi e abbattere muri.

Potere al Popolo – Sele, Tanagro e Vallo di Diano
Potere al Popolo – Salerno

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.