Inquinamento ambientale: sequestrata fabbrica ceramica a Castel San Giorgio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Blitz della polizia locale di Castel San Giorgio in un complesso industriale dedito alla produzione, smaltatura di mattonelle e altri prodotti in ceramica.

Gli agenti, al comando del capitano Marco Inverso, hanno proceduto al sequestro giudiziario per inquinamento ambientale di un intero stabilimento e interdetto l’esercizio delle attività a due società specializzate nella produzione di manufatti in ceramica. L’operazione, tesa al rispetto delle norme in materia ambientale, aveva preso l’avvio già da alcune settimane con verifiche, sopralluoghi e monitoraggio delle aree interessate.

Una complessa attività di indagine che ha consentito ai caschi bianchi di individuare una discarica di seimila metri quadri appartenente alle aziende di ceramica, e situata all’esterno del perimetro dello stabilimento, dove venivano depositati, senza alcun trattamento e senza il rispetto delle leggi in materia di inquinamento, rifiuti provenienti da scarti di lavorazioni, imballaggi e una grossa quantità di fanghi residui della lavorazione.

Gli amministratori delle due società in attività nell’area, sono stati denunciati  in stato di libertà per “gestione non autorizzata di rifiuti speciali pericolosi e non” . Successivamente il controllo si è esteso allo stabilimento e dopo una accurata ispezione dei luoghi e la verifica delle autorizzazioni, l’intero opificio è stato sottoposto a sequestro.

“Grazie all’opera incessante della polizia locale – ha spiegato il sindaco Paola Lanzara – stiamo cercando di ristabilire il corretto rispetto del territorio specie per quei rifiuti che necessitano di trattamenti speciali prima di essere inviati in discarica. L’emergenza ambientale è una delle nostre priorità amministrative e le operazioni messe a segno negli ultimi tempi dimostrano come si possa colpire chi inquina applicando la tolleranza zero, ma trasmettono principalmente il senso che è finita l’era dell’impunità per coloro che non rispettano l’ambiente mettendo a rischio la salute di tutti i cittadini”.

“Con una attività di indagine continua – dice il capitano Marco Inverso – stiamo diventando il baluardo del rispetto dell’ambiente su un territorio a grande rischio ambientale. La possibilità di lavorare sapendo che l’amministrazione comunale è al nostro fianco ci rende molto più forti e consapevoli che il nostro lavoro serve a ristabilire le norme del corretto vivere civile a tutela della salute di tutti i cittadini”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.