Buon anno scolastico all’insegna di una scuola per tutta la vita (di Gilda Ricci)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Eccolo pronto il classico  suono della campanella del primo giorno di scuola, che avvertirà l’inizio delle lezioni per migliaia di bambini e ragazzi, ma non più per coloro che  hanno lasciato la scuola,  con o senza esami di Stato . Non suonerà per chi ha  abbandonato la scuola prima del tempo, prima dell’obbligo scolastico e formativo, prima  di completare un ciclo di studi, nonostante  le norme vigenti, i decreti che ne ribadiscono l’utilità, progetti di recupero regionali  ed europei.

Andrea Canevaro li  definisce  “i bambini che si perdono nel bosco”, i Pollicino,  che  senza lasciare  traccia  lungo la loro strada, anche per poterla ripercorrere  preferiscono mollare , abbandonare. Gli abbandoni in Italia  superano ogni anno la media europea e  al Sud la media nazionale. Come  e perchè  ne hanno discusso per decenni in convegni e dibattiti esperti  pedagogisti, psicologi, sociologi, giuristi, uomini e donne di scuola,  che non sono riusciti a risolvere il problema.

Eppure  basterebbe chiederlo a loro, domandare a tutti i Pollicino della storia scolastica perché quel suono della campanella non li emoziona più, perché l’odore di scuola è per loro nauseabondo, perché non manca loro la scuola, come invece manca ai loro compagni di classe , i loro ex vicini di banco,  che pur completando il ciclo di scuola secondaria superiore , restano in contatto con amici, compagni e professori per un saluto fugace ad inizio anno e nostalgici , ormai patentati,  passano sotto scuola  strombazzando clacson per ricordare a  tutti che la scuola a loro manca davvero.

Si iscriveranno all’Università, frequenteranno corsi di formazione, viaggeranno, lavoreranno, si sposeranno, emigreranno? E chi lo sa, anche di questi ragazzi diligenti  e studiosi , che hanno completato il  ciclo di studi si perdono le tracce. Resta qualche contatto facebook o wathsapp , qualche numero di telefono in rubrica, per  risentirsi e rivedersi dopo qualche anno in una cena tra ex, per un revival.

Ecco la scuola dovrebbe fermarsi e capire, riflettere su se stessa, sul suo ruolo nel terzo millennio, sul senso del suo inizio anno scolastico  non solo per chi ci sarà quel giorno , ansioso con genitori ancor più ansiosi,  ad aspettare  di varcare un cancello  e scegliere il banco e il compagno di classe.

La  scuola dovrebbe interrogarsi e non interrogare solo  alunni e studenti , ma se stessa , con loro e per loro, domandarsi perché quel banco è  vuoto, dove siano Lucia, Francesca, Vincenzo e tanti altri oggi , il primo giorno di scuola. Se l’esame di Stato li ha delusi  o entusiasmati,  se dal futuro si aspettano  sacrifico o solo rose e fiori. Ecco la scuola d cella vita, come afferma un saggio novantenne come Edgar  Morin ” dovrebbe insegnare a vivere e l’educazione  dovrebbe favorirla; una delle missioni di ogni educazione  sta nell’autonomia e nella libertà della mente”.

Tutto ciò non è possibile  solo da parte dei docenti e di chi dirige, organizza , fa scuola, ma da parte di tutti i suoi attori sociali, soprattutto dei ragazzi e dei genitori. Senza un patto educativo , ci ha ricordato Papa Francesco in questi giorni, ogni azione  dentro e fuori le mura della scuola è vana.

Autorevolezza  integrata al dialogo continuo e  competenze relazionali e comunicative,   sono alla base del sapere e della conoscenza, che resterebbe vuota senza  motivazioni ed interesse. L’augurio di buon anno scolastico 2018/19 a  tutti coloro che rendono la scuola “viva” non solo nelle attività dei progetti pomeridiani, considerati spesso extracurricolari, sta nell’ operare unitariamente per una scuola di qualità, senza rigidità orarie  e tempi limitati, ma in un tempo flessibile e armonioso, un tempo per conoscere, capire, approfondire, dialogare tra  studenti, tra docenti, tra  scuola e famiglia. Basterebbe ascoltare di più , bisogni e pareri, intenzioni e illusioni.

Sì perché anche il sogno, l’illusione,  dietro le pagine di un libro, dietro e davanti ad una cattedra, tra i banchi e le lavagne di ardesia o interattive,  vibra con un’energia vitale di cui la scuola , oggi più di ieri ha bisogno.

Buon anno  a tutti ! E che sia un anno gioioso,  alla fine del quale, esausti ma soddisfatti lo siano tutti i suoi protagonisti, accettando a volte  anche critiche e delusioni, ma senza perdenti  né vincitori, pronti per un altro viaggio insieme, anche alla ricerca di chi si è perduto.

 Gilda Ricci

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Che bella favoletta e quanta ipocrisia…..stendiamo un velo pietoso sugli edifici che cadono a pezzi…..una attività extracurriculare assolutamente non formativa.. una estorsione aggravata per i libri da comprare ogni anno perchè insegnanti mediocri cambiano ogni anno….spese universitarie arrivate alle stelle…..continuo?…..non ci vogliono gli scenziati per capire l abbandono costante ed una Italia che regredisce…..le favolette raccontale ai beoti cara tal Ricci rimboccati le maniche e lavora che è meglio

  2. rispondo al sig.” italiano” senza un nome e un cognome:
    A) le favolette le scrivo per bambini non per” beoti”;
    B) da 39 anni lavoro per combattere e cercare di risolvere sul posto di lavoro senza deleghe e lamentele inutili i problemi di cui lei parla giustamente come criticità della scuola italiana in generale;
    c) non sono le SUE motivazioni valide per continuare a girare sempre la testa dall’altra parte colpevolizzando sempre altri delle proprie inefficienze;
    d) la mia è anche autocritica e la dichiarazione di un”fallimento” della scuola , della famiglia e dello Stato, che direbbe qualcuno “siamo noi!”;
    E) Io lavoro da sempre e anche troppo non occorra che lei me lo ricordi, purtroppo non basta lavorare e basta dipende come e con chi si lavora. Il nostro lavoro a scuola è un lavoro comune, condiviso e partecipato, di squadra. Senza collaborazione e soltanto con i processi e le colpevolizzazioni la SCUOLA non migliorerà ma,i soprattutto se si continua a denigrare il nostro “mestiere” di lavoratori della conoscenza. Grazie comunque per il suggerimento che però rischia le offese gratuite.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.