Salerno Pulita, Fiadel: bene proposta stabilizzazione 150 lavoratori

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa

Vertenza Salerno Pulita, la Fiadel provinciale rivendica il ruolo avuto in questi anni nella battaglia sindacale.  “Con piacere abbiamo appreso che anche altre sigle sindacali hanno fatto propria la nostra tesi che gli interinali di Salerno Pulita non sono tali, ma bensì sono lavoratori storici all’interno del settore”, ha detto il segretario generale Angelo Rispoli, che segue la vicenda insieme ai sindacalisti Franco Parriniello, Rosario Romano, Francesco Pezzano e Franco Papa. “Questo fu uno dei punti della piattaforma rivendicativa, in uno con l’obiettivo del contratto unico all’interno di Salerno Pulita per l’unificazione di tutti i dipendenti all’interno della stessa, superando la discriminazione in danno dei dipendenti del settore pulizie. Queste erano le rivendicazioni a base dello sciopero indetto dalla Fiadel il 21 marzo scorso. Purtroppo da soli scendemmo in piazza, purtroppo, perché già se ci sarebbe stato un forte movimento di massa molto probabilmente avremo già raggiunto positivi risultati. Con piacere constatiamo che ad oggi la schiera dei “pseudo sindacalisti” è cresciuta. Il tempo è galantuomo. Infine, un ringraziamento va fatto anche al Governatore Vincenzo De Luca sull’impegno preso per la stabilizzazione di 150 lavoratori a partire da ottobre”.

Ora Rispoli, attraverso una lettera inviata ai vertici di Regione Campania, Ente d’Ambito, Comune di Salerno e Salerno Pulita, una riunione per discutere del caso. “E’ ora che il presidente dell’Ente d’Ambito, Giovanni Coscia, nel rispetto delle leggi, scopra il suo ruolo di protagonista che la normativa regionale gli ha assegnato e quindi convochi una riunione con le realtà coinvolte, organizzazioni sindacali comprese, al fine di garantire un futuro ed una stabilità lavorativa”, ha continuato Rispoli. I tempi sono maturi per una soluzione. La Fiadel fa appello a questo tavolo risolutivo, riservandosi fin d’ora di porre in essere azioni di lotta ed intensificare le azioni legali già avviate a sostegno delle azioni sindacali se, entro breve tempo, non avremo delle soluzioni. Siamo uniti per la stabilità e contro la precarietà”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Poco tempo fa ho letto una lettera di un salernitano che non viveva più a Salerno, ma che spesso ci tornava per nostalgia della sua città natale, e si rammarica del cambiamento purtroppo in peggio di questa città, segnalando che Salerno è diventata una città sporca su tutti i fronti, con escrementi canini in tutte le strade e immondizia da per tutto, strade piene di buche, marciapiedi dissestati, automobili in doppia e tripla fila e qui mi fermo per non essere troppo lungo ma ci sarebbero di cose da elencare. Questo signore alla fine si preposto di non tornare più nella sua città nativa. Io che scrivo non posso fare altro che condividere quello che ha scritto, capisco che ci sono gli incivili e cafoni che non rispettano le regole , “ma mi chiedo dove sono coloro che dovrebbero farle rispettare” io salernitano che ha sempre amato questa città, con sommo rammarico devo ammettere che la mia città non è più quella di anni addietro, per non parlare del lungomare che era il nostro vanto ora è un letamaio. Esempio io abitante in via Zanotti Bianco dove non si vede l’addetto alla pulizia delle strade da diversi giorni lascio immaginare cosa c’è per le strade, eppure anche noi abitanti alla suddetta strada paghiamo le tasse come gli abitanti di via Roma e corso Vittorio Emanuele.

  2. Poco tempo fa ho letto una lettera di un salernitano che non viveva più a Salerno, ma che spesso ci tornava per nostalgia della sua città natale, e si rammarica del cambiamento purtroppo in peggio di questa città, segnalando che Salerno è diventata una città sporca su tutti i fronti, con escrementi canini in tutte le strade e immondizia da per tutto, strade piene di buche, marciapiedi dissestati, automobili in doppia e tripla fila e qui mi fermo per non essere troppo lungo ma ci sarebbero di cose da elencare. Questo signore alla fine si preposto di non tornare più nella sua città nativa. Io che scrivo non posso fare altro che condividere quello che ha scritto, capisco che ci sono gli incivili e cafoni che non rispettano le regole , “ma mi chiedo dove sono coloro che dovrebbero farle rispettare” io salernitano che ha sempre amato questa città, con sommo rammarico devo ammettere che la mia città non è più quella di anni addietro, per non parlare del lungomare che era il nostro vanto ora è un letamaio. Esempio io abitante in via Zanotti Bianco dove non si vede l’addetto alla pulizia delle strade da diversi giorni lascio immaginare cosa c’è per le strade, eppure anche noi abitanti alla suddetta strada paghiamo le tasse come gli abitanti di via Roma e corso Vittorio Emanuele.

  3. erano pochi i grandi lavoratori ci vogliono i rinforzi tanto salerno e’ una bomboniera….di spazzatura,i spazzini per le strade sono fantasmi,solo camion e camioncini con 3 persone a bordo idem per i viglili tutti li cercano e nessuno li vede……ma i de luca a salerno non rientreranno almeno spero.

  4. altri 150 ? Ok , altri 150 occupati ma speriamo in più pulizia altrimenti tutti (450 + 150 ) a casa e ovviamente anche noi cittadini dobbiamo fare la nostra parte di persone CIVILI !!!!!!

  5. Bene sono stati stabilizzati, ora lavorassero per far si che lo stipendio che prendono sia ben giustificato. Altrimenti non avremo fatto che far nascere altri parassiti politici.

  6. vai con un’altra sfornata per dare man forte ai pochi e grandi lavoratori, nonchè importante elettorato dello stesso che li bacchetta………..vai con le tarantelle, musica maestro……… Vi raccomando continuate con questa miseria umana piuttosto che sentirvi protagonisti di un vero cambiamento che Vi dia dignità……………

  7. Ma un responsabile al controllo un giro la mattina alle 6.00, se lo fa per controllare chi veramente lavora e chi no!!!!! basta andare intorno al parco mercatello e lungomare marconi e si rende conto. Bene i 150 ma a sostituire chi non fa un cavolo. Già si paga tanto x la tarsu. a pensare male ci vuole una tiimo, ma non è che queste 150 assunzioni son voti x il prossimo sindaco

  8. Quelli di Mercatello, Pastena o Torrione non pensassero che il Centro è più pulito….fa schifo anche peggio dei loro rioni ! A Salerno per l’incuria istituzionale e la maleducazione civica non ci sono differenze !! Siamo tutti nella stessa merda !!!

  9. In verità i 150 netturbini vengono stabilizzati contrattualmente e non assunti quindi non ci sarà una vera e propria assunzione…tuttavia se questi che già non facevano un gazzo vengono assunti definitivamente stiamo ancora più inguaiato di prima! Caro de Luca devo fare quindi i miei complimenti, doppi, perché da un lato hai definitivamente assunto quelle persone di cui ti lamentavo e dall altro ti sei preso altri voti…più passano gli anni e più diventi un bravo politico quindi c è solo da sperare, dopo 30 anni quasi, che i salernitani siano un po più intelligenti x mandarti in pensione (pagata da noi)!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.