La Salernitana cala il tris al Padova: Jallow devastante

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
17
Stampa
Ci si attendeva una vittoria per iniziare a dare un senso al campionato. Ma forse non cosi larga. Anche perché il 3-0 al Padova non è stato facile come si crede. Gara iniziata storta, appunto con una storta al polpaccio all’arbitro Di Paolo che dopo cinque minuti è costretto ad abbandonare la contesa sostituito dal quarto uomo Dionisi. Il Padova orchestra bene, i granata sembrano prendersi il sole. Poi al 26’ una sassata dai 35 metri di Di Tacchio cambia l’inerzia del match. Padova che inizia a soffrire, granata compatti e cinici. Nella ripresa il doppio cambio di Bisoli non sortisce effetti, mentre il cambio di Colantuono è quello giusto. L’ingresso di un devastante Jallow per Bocalon fornisce due assist per due gol (Casasola prima e Anderson poi). Il Padova si scopre centrando anche una traversa mentre i padroni di casa in contropiede sfiorano più volte il poker. Finisce cosi, ora testa a venerdi: c’è San Matteo ma c’è anche Benevento Salernitana.

Pomeriggio caldo all’Arechi dal punto di vista climatico. Temperature elevate con oltre 30°C in un metà settembre che sembra una domenica di luglio. Non c’è il pubblico delle grandi occasioni. Probabile che molti abbiano preferito trascorrere forse l’ultimo week-end al mare prima dell’inizio dell’autunno. Tante novità nella Salernitana che questo pomeriggio affronta il Padova all’Arechi. Colantuono conferma il modulo, 3-5-2, ma cambia in tutti i reparti.

Davanti a Micai , Schiavi al centro e Gigliotti a sinistra che debutta con la maglia granata. Sulla destra Perticone. A centrocampo le maggiori novità così come i dubbi. Sulle fasce Djavan Anderson a destra e Casasola a sinistra. In mezzo al campo Akpro e Castiglia. Il ballottaggio tra Di Gennaro e Di Tacchio vede prevalere l’ex irpino molto più affodabile per arginare la verve di Clemenza e Capello, due giocatori di quantità e qualità.

In attacco, invece, Bocalon sarà preferito a Jallow per far coppia con Djuric. All’Arechi attesi Lotito e Mezzaroma. Tra i veneti in campo l’ex Trevisan mentre parte in panchina Della Rocca. Occhio in attacco al pericoloso Bonazzoli. Probabile l’innesto dell’ex foggiano Sarno a gara in corso. Mister Bisoli lo utilizzerà come asso nella manica.

LA PARTITA

Terreno in buone condizioni e pubblico modesto all’Arechi dopo il bagno di folla dell’esordio con il Palermo. Da Padova sono in cento assiepati nel settore nord inferiore.

Partita che comincia al piccolo trotto con le squadre che si studiano nei primi minuti. Episodio singolare al 6’: l’arbitro Di Paolo di Avezzano si accascia al suolo in campo mentre era intento a seguire un azione di gioco offensiva veneta. Inutili i soccorsi dei sanitari, per il direttore di gara distorsione ai gemelli del polpaccio. Il quarto uomo Federico Dionisi indossa subito auricolare e maglietta e va in campo ad arbitrare quando mancano ancora 84 minuti al termine. Di Paolo si accomoda a bordo campo con una fasciatura al polpaccio dolorante.

La partita riprende dopo oltre cinque minuti di stop. Il Padova sembra più ispirato in fase offensiva con i granata spesso in affanno. Bocalon prova a suonare la carica ma senza successo. I granata conquistano metri e calci d’angolo. E al 25’ proprio da un corner palla indietro a Di Tacchio che dai 35 metri fa esplodere un sinistro chirurgico che batte Merelli. Esplode l’Arechi per l’1-0. Sempre di Tacchio ci prova dalla distanza stavolta non va. Alla mezz’ora ci prova Clemenza, Micai c’è. Al 35’ punizione al bacio di Gigliotti, palla che sfiora il sette.Nel finale pericoloso Casasola, Merelli blocca a terra. Durante i sette di recupero ci prova anche Bocalon ma non è fortunato e sul foto finish Akpa Akpro tutto solo dinanzi a Merelli sciupa il raddoppio. Ammoniti Djuric, Di Tacchio e Schiavi.

SECONDO TEMPO

Secondo tempo con Capello e Contessa fuori, Marcandella e Zambataro dentro per il Padova. Granata che rimangono invariati gli undici in campo. Veneti che partono bene con gli uomini di Colantuono che cercano il gioco di rimessa. Al quarto d’ora punizione biancorossa dal limite: Clemenza sfiora l’angolino, sfera di poco fuori. Entra Jallow nei padroni di casa ed esce Bocalon autore di una generosa partita. Dopo tre minuti ci prova Bonazzoli, palla sull’esterno. Nel momento migliore degli ospiti proprio Jallow si invola sulla destra, cross tagliato in area e Casasola buca Merelli per il 2-0. Intanto entra Mantovani per uno stanchissimo Perticone. Ma quattro minuti dopo azione in fotocopia di Jallow che scappa ancora sulla destra, palla dentro per il solo D. Anderson che deposita il tris di giornata. Al 73’ punizione patavina di Salviato che si stampa sulla traversa. Ma è sempre super Jallow a portare scompiglio in area biancoscudata, Casasola stavolta non è preciso. Poi Djuric di testa manda alto. Bisoli si gioca la carta Guidone per Clemenza.

Nel finale spazio anche per Di Gennaro al posto di un ottimo Di Tacchio. Negli ultimi minuti padroni di casa in contropiede sfiorano più volte il poker. Finisce cosi, ora testa a venerdi: c’è San Matteo ma c’è anche Benevento Salernitana.

 SALERNITANA – PADOVA 3-0

SALERNITANA (3-5-2): Micai; Perticone (21’ st Mantovani), Schiavi, Gigliotti; D.Anderson, Akpa Akpro, Di Tacchio (39’ st Di Gennaro), Castiglia, Casasola; Bocalon (18’ st Jallow), Djuric. A disp. Vannucchi, Pucino, Vitale, Odjer, Vuletich, Migliorini, Orlando, A.Anderson, Mazzarani. All: Stefano Colantuono.

PADOVA (3-4-2-1): Merelli; Ravanelli, Capelli, Trevisan; Salviato, Cappelletti, Pulzetti, Contessa(1’ st Zambataro); Clemenza (31’ st Guidone), Capello (1’ st Marcandella); Bonazzoli. A disp: Perisan, Ceccaroni, Minesso, Sarno, Broh, Belingheri, Vogliacco, Della Rocca, Mandorlini. All: Pierpaolo Bisoli.

Arbitro: Aleandro Di Paolo di Avezzano (Vecchi/Margani). IV uomo Dionisi

NOTE. Marcatori: 26’ pt Di Tacchio, 20’ st Casasola, 24’ st D. Anderson (S); Ammoniti: Schiavi, Di Tacchio, Djuric (S), Capello, Pulzetti (P); Angoli: 5-4; Recupero: 8’ pt – 4′ st; Spettatori: 9763 di cui 64 da Padova. Al 13’ pt infortunio all’arbitro Di Paolo, Dionisi diventa il direttore di gara.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

17 COMMENTI

  1. L’area di rigore è lunga 16 metri. Di Tacchio ha tirato 7-8 metri fuori dall’area. Un gol strepitoso, ma “solo” da 25 metri!

  2. Tu hai sicuro le chiappe bianche, dato che vivi o nella Cava o nelle pianure dell’Agro.
    Fatti prescrivere anche dei calmanti, ti sento acido e stressato.

  3. Vedo che ti brucia il sederino per venire a commentare qui…può darsi che il bruciore sarà per il grande tarallo che hai preso dietro?

  4. se rivelassi la tua fede potremmo dirti a quale stadio è arrivata la tua intossicazione. Esci allo scoperto invece di rosicare dietro una tastiera e guardare le processioni degli altri.

  5. Stai zitto nullitá ancora parli…fatti un bidè con acqua fredda che forse ti passa…ciao mer…dina secca 💩 💩 💩

  6. Scusami Peto ma le cose non tornano: ti voglio credere pure che sei un ex granata e hai ragione che i commenti di alcuni tifosi fanno passare la voglia di tifare. Però se sei un ex granata, e considerando la storia degli ultimi 15 anni avrai le tue buone ragioni, che motivo hai di venire qui a gufare? A maggior ragione dovresti essere schifato da tutto e tutti e non volere vedere il calcio nemmeno in cartolina, mica venire qui a fare lo schiattamorto, che poi uno si piglia la nnummenat’ e se ti vedono si grattano.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.