On. Casciello (FI): I 5stelle vogliono sopprimere l’Ordine dei Giornalisti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’editoria Vito Crimi risponde al question time in Commissione Cultura con la solita propaganda pentastellata, muovendo accuse gravi all’Ordine dei Giornalisti», così l’On. Gigi Casciello commentando le parole del Sottosegretario questa mattina in Commissione in risposta all’interrogazione presentata dai Deputati di Forza Italia Gigi Casciello e Patrizia Marrocco. «In alcune dichiarazioni alla stampa ed in una precedente audizione in Commissione Cultura  – spiegano i due Deputati azzurri – il sottosegretario Crimi ha affermato che tra gli obiettivi del Governo c’è l’introduzione dei tetti alla pubblicità in televisione in difformità da ogni logica di libero mercato, e che il Governo intende sopprimere i fondi pubblici all’editoria, non chiarendo come si intenda preservare il fondo per il pluralismo. Inoltre, il continuo riferimento a “tre, quattro testate”, che secondo il sottosegretario Crimi percepirebbero il 30% dei fondi, è un evidente tentativo dello stesso e del suo partito di colpire quotidiani considerati ostili al Movimento 5 stelle. Si punta alla soppressione dell’Ordine dei Giornalisti ritenendo che tale ruolo e funzione debbano essere svolti dai social-manager, dimostrando assoluta inconsapevolezza e conoscenza della figura e dell’accesso alla professione giornalistica, fondamentale argine ad una maggior deriva culturale e sociale».

I Deputati Casciello e Marrocco ritenendo che «tali propositi non solo violano il diritto costituzionale alla libertà di espressione ma mettono a rischio migliaia di posti di lavoro di giornalisti e poligrafici, nonché di addetti alla distribuzione», hanno presentato un’interrogazione chiedendo: «Con quali interventi programmatici e finanziari s’intenda piuttosto sostenere un settore fondamentale della cultura di questo Paese, ancor di più in un momento in cui il fenomeno delle fake news e dell’incontrastato flusso d’informazione derivante dal web, senza alcuna garanzia di correttezza ed attendibilità, che solo la figura professionale del giornalista può assicurare non solo per formazione ma per i vincoli giuridici cui la stessa è sottoposta, mina il diritto dei cittadini alla corretta e qualificata informazione».

Per l’On. Casciello «il Sottosegretario Crimi ha risposto con la solita propaganda muovendo accuse gravi all’Ordine, prefigurando addirittura che per dirigere un giornale non si debba essere iscritto ad un albo e che per essere giornalista basterebbe dimostrare che l’attività giornalistica sia la prevalente nel reddito. Così chi tutela i cittadini sull’attendibilità e la correttezza delle notizie? La verità è che i 5stelle e Crimi vogliono un’informazione gestita solo dalla piattaforma Rousseau. Faremo di tutto perché non accada, a tutela della libera e corretta informazione».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. E fanno bene!
    Tutti gli Ordini professionali andrebbero aboliti.
    Non servono a nulla e a nessuno, se non ai loro attivisti che fanno strumento di reddito, di visibilità e di clientele!
    Chi opera all’interno dei propri Ordini è sostanzialmente un politico la cui attività non ha nulla a che fare con la libera professione svolta sul campo!
    I vari presidenti locali mirano a visibilità per l’ottenimento d’incarichi pubblici sperando, poi, di arrivare ai consigli nazionali dove, oltre ad avere le mani in pasta in mille affari (uno tra tutti le casse di previdenza e i loro investimenti miliardari) ricevono gettoni paragonabili a quelli dei parlamentari.
    E questo è un altro pezzettino della nostra cara italietta…

  2. Magarii facessero scomparire qusti inutil, i anacronistici carrozzoni che appestano questa triste nazione

  3. Gli Ordini, così come diventati oggi, servono alle mezze tacche senza clienti per tirare a campare.
    Sfruttano quel poco di visibilità derivante dalla pubblicazione dei loro nomi sulle locandine, sui giornalini locali e sui siti mediocri come questo.
    Il tutto sperando di raccogliere le briciole che il potere gli lascia, illuso a sua volta di trarne qualche vantaggio in termini elettorali.

  4. Condivido appieno Italo! Abolire ordini parassiti che succhiano il sangue dei lavoratori liberi professionisti. E vietare anche la creazione di fondazioni, che non sarebbero altro che ordini mascherati sotto altre denominazione.

  5. Ma quando lo fanno così tutti sti pseudo giornalisti andranno a zappare sempre che siano capaci.
    esposito censura pure questo.

  6. Non sono propriamente un ammiratore dei pentastelluti ma su questo hanno ragione.

    (anche una scimmia può avere ragione scegliendo risposte a caso)

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.