Boom di ricerche su Google la mattina dell’esame: il test finisce in Procura

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Almeno un migliaio di candidati ai test d’ingresso alla facoltà di Medicina ha barato: hanno cercando le risposte su Google.

È quanto sostengono i legali dello Studio Leone-Fell di Palermoche hanno presentato un esposto alla procura per “tutelare il diritto allo studio“.  “Riteniamo che sia a rischio la validità dell’intera procedura migliaia di studenti resteranno fuori dalla selezione per errori non loro”, sostengono i legali Francesco Leone e Simona Fell, sostenuti dal penalista Andrea Merlo.

La tesi dei legali si basa sul lavoro compiuto da Antony Russo, un esperto di analisi della Rete che lavora a Londra. Su richiesta dell’associazione studentesca Rete universitaria nazionale(Run), Russo ha verificato quante ricerche – sugli stessi argomenti del test – sono state fatte nel momento in cui si svolgeva la selezione.

I risultati sono stati sorprendenti. Alle 11.33 del 4 settembre – cioè quando si svolgeva l’esame di ammissione- sono state registrate una serie di ricerche sulla sequenza dei numeri 2-3-7-13-27 che corrispondeva alla domanda numero nove del test: secondo gli esperti interpellati dai legali e dalla Run la probabilità che venisse richiesta ai motori di ricerca quella specifica serie di numeri è di una su 622 milioni.

Un altro esempio fornito è la ricerca del significato della parola “frattale“, contenuta in un’altra domanda del test: ha una media di ricerca di 0,51 volte al giorno, ma averebbe fatto registrare un dato pari a 63,36 ricerche, cioè il 12.423% oltre la media giornaliera degli ultimi tre anni. Lo studio legale sta continuando a raccogliere segnalazioni da diverse città italiane, riguardanti soprattutto “controlli non uniformi e disparità di trattamento”.

Tra l’altro, sempre sul web, si possono trovare alcuni video e selfie cndivisi sui social dagli stessi candidati: per i legali è un’altra prova del fatto che durante il test avessero accesso a dispositivi connessi a Internet. Secondo lo studio Leone Fell si tratterebbe di almeno mille casi. “Alcune segnalazioni – hanno concluso gli avvocati – sono di una gravità inaudita. Ecco perché proseguiremo nella nostra azione e penso che tra breve comunicheremo altre novità”.

Il senatore accademico di Palermo, Antonio Di Naro, esponente della Run, ha affermato il pieno sostegno dell’associazione all’iniziativa: “Non è possibile continuare a far finta che, riguardo a questi test, tutto vada bene. Già autorevoli esponenti politici si sono espressi e c’è da considerare il problema del crescente fabbisognodi laureati in medicina”.

Fonte Ilfattoquotidiano.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.