Malasanità, rischia di morire per una garza dimenticata nell’addome

Stampa
“Per la 50enne di Aversa un calvario lungo due mesi prima di scoprire che le avessero lasciato un tampone nell’addome in seguito ad un’operazione e solo un nuovo intervento le ha evitato la morte.  Un medico dell’ospedale Moscati di Aversa è finito alla sbarra. Episodi del genere sono inaccettabili, oscurano tutto il buono della sanità campana e i grandi sforzi per riportarla ai livelli che merita.

Chi deve subire un intervento non deve sperare nella buona sorte, ma nella preparazione di professionisti coscienziosi; entrare in sala operatoria non piò essere un terno all’otto. Sanzioni severe e duri provvedimenti per chi attenta alla salute dei pazienti. Chi non ha la preparazione giusta non scherzi con la vita degli altri”. Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi e membro della Commissione Sanità.

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.