Inaugurato il Museo Archeologico di Sala Consilina con reperti dal IX al IV Secolo A.C.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il tradizionale taglio del nastro è stato il momento culminante dell’inaugurazione del Museo Archeologico di Sala Consilina (MASC), che ha riaperto i battenti questa mattina dopo un lungo periodo di chiusura dovuto a necessari interventi di ristrutturazione. Nel Museo sono allocati vasi e oggetti provenienti da corredi tombali di necropoli la cui cronologia va dal IX al IV secolo a. C., e rinvenuti attraverso scavi effettuati in particolare in due aree di Sala Consilina: San Rocco e Sant’Antonio.

Il nuovo MASC, fortemente voluto dalla Soprintendenza e dall’Amministrazione Comunale di Sala Consilina, restituisce alla comunità salese e valdianese un importante tassello della propria storia. La realizzazione del progetto è stata resa possibile anche grazie al supporto economico della Banca Monte Pruno, ed i nuovi ambienti sono stati arricchiti dai lavori degli studenti del Liceo Artistico “Pomponio Leto” di Teggiano. L’accuratezza scientifica nella catalogazione dei reperti è stata garantita dalla collaborazione con l’Università di Salerno.

Un importante obiettivo culturale raggiunto, quindi, attraverso un progetto di rete territoriale che ha unito operatori culturali, economici ed istituzionali per un fine comune. La grande partecipazione che ha fatto da cornice all’inaugurazione Museo Archeologico, da parte di giovani e meno giovani, ha testimoniato la validità dell’iniziativa. Davvero “Una rete finalizzata al Bene Comune, come l’ha definita Mons. Antonio De Luca, Vescovo della Diocesi di Teggiano – Policastro, quella che da oggi, attraverso il MASC, rende disponibile una visione delle origini territoriali, attraverso la divulgazione di ritrovamenti archeologici, la cui importanza è attestata da tanti Studiosi del Settore e dalla esposizione in importanti musei internazionali. Ma che necessitava di maggiore conoscenza, diffusione e consapevolezza tra le giovani generazioni: cosa che il MASC rende possibile.

Il taglio del nastro è stato preceduto da un convegno che ha visto la partecipazione, tra gli altri, di Francesco Cavallone, Sindaco di Sala Consilina, Anna Di Santo, Direttrice del Museo Archeologico, Gelsomina Lombardi, Assessore alla Cultura di Sala Consilina, Carmine Pellegrino, dell’Università degli Studi di Salerno (Dipartimento di Scienze dei Beni Culturali), Rocco Colombo, Dirigente Scolastico dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Pomponio Leto” di Teggiano, Cono Federico, Vice Direttore Generale Banca Monte Pruno, e Francesca Casule, Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.