Neonato muore poco dopo il parto: l’ombra della polmonite

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’ombra della polmonite si allunga minacciosa anche sul decesso di un bimbo morto subito dopo il parto. La tragedia è avvenuta all’ospedale di Manerbio, nel Bresciano, territorio colpito dall’epidemia di polmonite batterica che, da inizio settembre, ha già causato cinque morti tra il Bresciano e il Mantovano. A riportare i dettagli dell’ultimo caso sospetto è stata la testata “Bresciaoggi”, che ha spiegato come il neonato sia morto a causa di una grave crisi respiratoria dovuta a quanto pare a un’infezione. Lo scrive FanPage.it

I genitori del bimbo non sono nemmeno riusciti ad abbracciarlo: il piccolo si è aggravato a pochi minuti dalla nascita ed è morto poco dopo, nonostante un ricovero d’urgenza nel reparto di Terapia intensiva neonatale. Secondo i parenti non c’erano state complicazioni né durante la gravidanza né durante il parto: l’infezione sarebbe stata contratta dunque proprio negli istanti successivi al parto.

E l’ipotesi, che le indagini mediche e della magistratura dovranno suffragare o smentire, è che anche nel caso del neonato la causa del decesso possa essere stata una polmonite batterica. Se a sua volta causata dal batterio della legionella o no lo dovrà stabilire l’autopsia, che è stata già disposta: i genitori del neonato avrebbero intanto presentato un esposto in procura.

La morte del neonato a Manerbio potrebbe essere l’ultima tragedia legata all’epidemia di polmonite che finora, tra Bresciano e Mantovano, ha fatto registrare 500 casi, con cinque decessi.

La legionella è responsabile, stando agli accertamenti svolti finora, solo di una minima parte di questi casi: al batterio sono imputati finora due decessi e una quarantina di pazienti contagiati. Per i restanti casi si è ancora alla ricerca della fonte del contagio: pochi giorni fa l’Agenzia per la tutela della salute ha smentito se stessa, facendo dietrofront sull’ipotesi che il batterio si fosse annidato nelle torri di raffreddamento di alcune aziende che si trovano lungo il fiume Chiese.

E adesso è proprio il corso d’acqua, l’unico elemento che unisce i comuni dove si è concentrato il maggior numero di casi, il maggior indiziato. In attesa che le autorità sanitarie possano fornire chiarimenti alla popolazione, l’epidemia, definita dall’Istituto superiore di sanità “unica al mondo”, continua a spaventare: i casi sono arrivati a quota 500 e solo ieri ci sono stati 13 nuovi accessi al pronto soccorso, tutti nel Bresciano. Tra le persone ancora ricoverate per la polmonite, oltre un centinaio, in maggioranza maschi e anziani, ci sarebbero anche quattro bambini.

Fonte FanPage.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.