Salerno: aggredito controllore sulla linea bus che porta ad Ogliara

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
«Non ci sentiamo più sicuri, neanche con i vigilantes al nostro fianco».

E’ il grido d’allarme degli autisti dell’azienda Busitalia che gestisce il trasporto pubblico su gomma in tutta la provincia di Salerno.

Proprio nella mattinata di ieri si è verificata l’ennesima aggressione ai danni dei dipendenti dell’azienda che si occupano della verifica dei titoli di viaggio.

A darne notizia il quotidiano Le Cronache oggi in edicola.

Erano da poco passate le 10 quando i controllori, affiancati dalle guardie giurate, sono salite a bordo della linea due che collega Salerno città ed i rioni collinari di Salerno, tra cui Ogliara.

Alcuni giovani, sprovvisti di ticket, hanno tentato la fuga dalla porta centrale dell’autobus ma uno di loro, durantela corsa avrebbe perso il portafogli, recuperato dal controllore – stando a quanto riferiscono alcuni presenti – con l’intenzione di restituirlo al legittimo proprietario.

Ma sembra essere stato proprio questo gesto, rispettoso oltre che innocuo, del dipendente Busitalia ad aver scatenato l’ira del giovane salernitano sprovvisto del biglietto. Quest’ultimo, infatti, avrebbe iniziato ad inveire contro le guardie giurate e lo stesso controllore. Dalle parole ai fatti è stato un attimo e ieri mattina, nei pressi della zona del Carmine si è verificata l’ennesima aggressione.

Entrambi sono poi stati trasportati presso il nosocomio locale per gli accertamenti del caso ma anche al Ruggi ad avere la peggio sarebbe stato l’autista, aggredito nuovamente ma dal padre del giovane salernitano. Solo pochi giorni fa, un autista della Sita era invece stato aggredito a bordo del bus da un pendolare.

«La Filt Cgil esprime solidrietà al dipendente dell’azienda Busitalia, aggredito mentre svolgeva il suo lavoro», ha dichiarato il segretario Gerardo Arpino, segretario generale della sigla sindacale, da sempre dalla parte dei dipendenti. «Condanniamo fermamente questo vile atto di aggressione perpetrato nei confronti del collega e delle guardie – ha poi aggiunto Arpino – A gran voce ribadiamo la necessità imminente, anche in virtù dell’ultimo atto di aggressione ai danni di un collega della Sita Sud di qualche giorno fa, di un tavolo congiunto tra istituzioni e aziende di trasporto».

La Filt Cgil, dunque, chiede nuovamente la convocazione di un tavolo tecnico monotematico in Prefettura per tentare di risolvere definitivamente il problema sicurezza a bordo degli autobus e tutelare i dipendenti che si limitano a svolgere solo il loro dovere, in maniera professionale. Sembra esserci ora la necessità di trovare soluzioni alternative poiché sembra non accennare a diminuire il fattore aggressione a bordo dei mezzi pubblici, nonostante la presenza delle guardie giurate che affiancano i controllori.

Dal canto loro, i dipendenti dell’azienda che gestisce il trasporto pubblico in provincia di Salerno non si sentono tutelati, nonostante le decisioni ed i buoni propositi dell’azienda Busitalia.

Fonte Le Cronache in edicola giovedì 27 settembre

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. Ma la galera è una possibilità così scandalosa? A queste giovani MERDE(scusatemi la volgarità ma non trovo altri aggettivi consoni) e futuri delinquenti per farli imparare ad essere civili ma soprattutto insegnarli ad essere uomini, ci vogliono purtroppo le maniere forti. Punto e basta. Poi arrivano i falliti dei genitori che senza leggere e scrivere aggrediscono chi si è permesso di riprendere i loro pargoli. Falliti schifosi, vergogna, i vostri pargoletti che secondo voi non meritano punizione, saranno i delinquenti del futuro, oltre ad essere dei falliti. Loro hanno sempre ragione, e gli altri devono subire. Che schifo. We FALLITI, VERGOGNATEVI, VOI E I VOSTRI FIGLI, MUNNEZZ.

  2. Ci vuole la pistola elettrica!!! Rassegniamoci, la città è in mano alla delinquenza di ogni genere. Non c’è più sicurezza. Ma d’altra parte, da tale padre, delinquente, che figlio poteva venir fuori?

  3. invece di fare tante storie !
    istallate le sbarrette automatiche di accesso su ogni automezzo posizionandole sulla destra del conduttore in modo tale da permettere il passaggio di una persona alla volta solo dopo l’inserimento
    di ogni singolo ticket cosi facendo l’azienda eviterebbe aggressioni al personale costi dei controllori e
    in aggiunta costo dei vigilantes .

  4. Eliminiamo il trasporto pubblico…così i morti di fame…la plebe…o non esce di casa…o mett man a sacc pa benzina!!!

  5. Basta eliminare i bus….se hai soldi x la benzina esci….altrimenti resti bel cesso dove abiti!!!
    Non tutti devobo avere tutto…se puoi pagare hai il servizio…altrimenti ti attacchi e resti nel tuo plebeismo.

  6. 16:57

    Si, e’ colpa dei senegalesi, grazie al clima di tolleranza instauratisi a causa dell’immigrazione incontrollata anche i cafuncielli nostrani hanno trovato più spazio e tolleranza di cui approfittare.

  7. La peggiore plebaglia di questa città, assecondata e assistita dal paternalismo interessato di colui che regna da 25 anni, ha preso il sopravvento con un’arroganza mai vista in passato. Senza giungere a questi eccessi, basta osservare l’atteggiamento di certi “lavoratori” delle municipalizzate. Ci stiamo rapidamente adeguando alle peggiori realtà regionali. Poi corriamo appresso ai nigeriani e ce la prendiamo con i senegalesi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.