Formazione: contro gli scaligeri si torna al 3-5-2

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa

Contro il Verona la Salernitana tornerà al 3-5-2. Mister Colantuono sembra intenzionato seriamente a rispolverare il modulo che ha permesso alla sua squadra di aggiudicarsi la partita con il Padova. Contro gli scaligeri, dunque, il trainer granata non utilizzerà il trequartista (anche in considerazione dell’assenza di Di Gennaro, affaticato) e metterà nuovamente da parte la difesa a quattro.

Indisponibili anche Perticone (cervicalgia) e Djavan Anderson (ancora in recupero dopo il trauma cranico rimediato a Benevento). Nell’undici titolare si rivedranno diversi elementi rimasti a riposo nel match pareggiato 1-1 con l’Ascoli: Casasola, Migliorini, Castiglia e probabilmente anche Jallow stavolta dovrebbero partire dal primo minuto. Colantuono deve però ancora sciogliere un dubbio per reparto: in difesa Gigliotti e Mantovani si contendono l’ultima maglia disponibile, dando per scontata la riconferma di capitan Schiavi.

A centrocampo sono in lizza per un posto Akpa Akpro (fin qui sempre utilizzato dal tecnico romano) e Odjer (che attende una chance per scendere in campo tra i titolari). In avanti, invece, con Jallow chiamato a svariare su tutto il fronte d’attacco, come punto di riferimento dovrebbe essere utilizzato ancora Djuric, anche se Vuletich e Bocalon non demordono.

Ricapitolando, la Salernitana dovrebbe sfidare i gialloblu col 3-5-2: Micai tra i pali; Migliorini, Schiavi ed uno tra Gigliotti e Mantovani in difesa; Pucino e Casasola sulle corsie esterne; uno tra Akpa Akpro e Odjer, con Di Tacchio e Castiglia in mediana; Djuric e Jallow in avanti.

CONVOCATI:

PORTIERI: Micai, Russo, Vannucchi;

DIFENSORI: Casasola, Gigliotti, Mantovani, Migliorini, Pucino, Schiavi, Vitale;

CENTROCAMPISTI: Akpa Akpro, Bellomo, Castiglia, Di Tacchio, Mazzarani, Odjer, Palumbo;

ATTACCANTI: A. Anderson, Bocalon, Djuric, Jallow, Orlando, Vuletich.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. bisogna verificare la notizia di un eventuale discussione dai toni accesi tra allenatore e di gennaro con una pezza a colori la societa’ lo ha reso subito indisponibile, altro caso alla rosina ? solo qua succedono queste cose mah !

  2. Errare è umano ma perseverare in modulo il 3 5 2 totalmente inadatto per l’attuale organico granata è davvero diabolico. Ma Colantuono è un bravo allenatore?

  3. 3 5 2 vuol dire partita del ca..o, vuol dire 5 difensori e 3 mediani di copertura, vuol dire palla lunga al pennellone Djuric e gioco zero, vuol dire aspetto che il Verona faccia la partita e mi difendo a mozzichi e calcioni con una serie infinita di falli, vuol dire possesso palla Salernitana il minimo indispensabile.
    SPERIAMO CHE MI SBAGLI DI GROSSO… FORZA SALERNITANA

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.