Verdetto Crescent: oggi la sentenza sulla realizzazione dell’opera di Bofill

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
E’ il giorno del giudizio sul processo Crescent cominciato tre anni fa. E’ attesa per oggi la sentenza che riguarda 22 imputati tra cui il governatore della Campania Vincenzo De Luca.

In una delle ultime udienze prima della pausa estiva, anche il governatore De Luca ha rilasciato dichiarazioni spontanee affermando come «il processo sia nato da una serie di forzature sulla realtà dei fatti.

La mezzaluna a firma di Riccardo Bofill è l’opera urbanistica più controllata ed indagata d’Italia» e ha ricordato che si tratta di un’opera di «interesse pubblico realizzata su un’area urbanizzata».

Il Crescent, dice, è una delle opere che “hanno cambiato il volto di Salerno, una città che è diventata un modello di trasformazione urbana fatta di concretezza, rigore spartano. Abbiamo appaltato opere per tre miliardi e non c’è stata alcuna sbavatura”.

“Se c’è un’operazione urbanistica che è totalmente d’interesse pubblico, quella è il Pua di Santa Teresa” si è difeso De Luca durante le dichiarazioni spontanee rese stamane a Salerno nell’ambito del processo “Crescent”. “La presenza di abitazioni all’interno del Crescent è stata voluta da Bofill per evitare l’effetto Eur o centro direzionale di Napoli. L’esigenza pubblica era avere lì le famiglie”.

Poi, parlando della sdemanializzazione dell’area di Santa Teresa, De Luca ha ricordato di aver “inviato una lettera, preparata dall’ufficio Demanio, per chiedere il trasferimento al Comune dell’area. Potrei fermarmi qui perché ci troviamo di fronte a valutazioni di carattere esclusivamente tecnico”.

In merito alle autorizzazioni paesaggistiche il presidente della Giunta regionale ha evidenziato come il “Pua di Santa Teresa è rimasto pubblicato per due mesi ma nessuno ha fatto osservazioni. La lettera della Sovrintendenza con cui si chiedeva l’attivazione del comitato tecnico scientifico ministeriale è arrivata 20 giorni dopo la scadenza dei termini.
Di cosa dovremmo rispondere?”. “L’accusa – ha continuato De Luca – mi rivolge l’addebito d’istigazione per far decorrere i termini del silenzio assenso. Faccio fatica a immaginare come avrei potuto istigare qualcuno. La verità è che la Sovrintendenza ha operato nel modo in cui ha ritenuto di fare”.

In merito alla tempistica contestata dalla Procura, De Luca ha detto: “Questo è il modo di agire dell’Amministrazione comunale di Salerno. Non perdere nemmeno un minuto, ma è un metodo di lavoro. E menomale che siamo andati di fretta, visto che sono trascorsi dieci anni”.

L’ex sindaco si è difeso anche sulla questione relativa all’asta per l’acquisizione dei diritti edificatori. “Come si può immaginare – ha concluso De Luca – che tre anni prima potevamo sapere quale sarebbe stato l’imprenditore che si sarebbe aggiudicato i diritti edificatori. Una vicenda talmente intricata che è stata risolta dal Consiglio di Stato. Come si fa a sostenere che l’asta sia stata preconfezionata?”.

I pm Rocco Alfano e Guglielmo Valenti hanno chiesto la condanna del governatore a 2 anni e 10 mesi di reclusione, nel caso in cui De Luca dovesse essere riconosciuto colpevole di abuso d’ufficio, reato contestato con riferimento al rilascio dei permessi per costruire l’opera, scatterebbe la sospensione dalla carica imposta dalla legge Severino.

Foto M. Pica (Comune.Salerno)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. ahahahahahah appartamenti per avere li le famiglie si certo quali? quelle che possono permettersi di pagare al privato quasi un milione di euro per appartamento, ma valla a contare agli idioti ste stupidaggini. L’interesse pubblico era creare una piazza o un acquario comunale non un palazzone con negozi ed appartamenti lussuosi, questi non rispondono all’esigenza di “pubblico interesse”

  2. Bofill, in quell’obbrobrio chiamato crescent voleva le famiglie???? Ma quali famiglie? Ma quanto costa al mq un’appartamento in quell’obbrobrio? Il crescent ha cambiato il volto di salerno! Verissimo: peggio di così non si poteva fare! Cemento su cemento!!!!!!!! Ma un bel parco sul mare, con tanto verde, no? Non avrebbe fatto gli interessi di De Luca e del suo amico Rainone! E, a proposito, non si sapeva che Rainone avrebbe vinto la gara? Lui non sapeva? Se stesse zitto, De Luca sarebbe un poco poco meno pagliaccio!

  3. PALLE, PALLE, PALLE………..SOLO MENZOGNE………IL TRUCCO DELLA VARIANTE URBANISTICA E’ CHIARA SI VEDA ANCHE PORTA OVEST………..CASE PER COMUNI MORTALI…………PAROLA D’ORDINE BABA’ BABA’
    CLIENTELE, FAVORITISMI AGLI AMICI, CAMBIALI DA SCONTARE E CHISSA’ COS’ALTRO………..E MA TU SEI LO SCERIFFO GRANDE MORALIZZATORE CHE SE LA PRENDE CON I DEBOLI………VAI A PIAZZA GARIBALDI A NAPOLI A FARE LA SCERIFFATA………SCERIFFO CON LA STELLA DI LATTA……….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.