Morricone, il capolavoro di un novant’Ennio (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“C’era una volta…”, chissà perché tutte le favole iniziano proprio così. Ci sono poi artisti favolosi che, evocando un “C’era una volta…”, son capaci di far affiorare emozioni sopite, o suscitarne di ignote rendendole indelebili, eterne.

Sentimenti che ritrovi in una pennellata, in uno scritto, in una creazione, in una interpretazione, o forse più immediatamente nella poesia e nella magia che si schiudono tra le linee di un pentagramma.

Come per Ennio Morricone – nato a Roma, il 1o novembre 1928 – il musicista che senza dubbio ha il merito di aver elevato e reso centrale il ruolo della colonna sonora nei film, in precedenza limitato a mero commento musicale.

Giovedì scorso il nostro premio Oscar, a poche settimane dal genetliaco, ha festeggiato il “novant’Ennio” nel modo probabilmente a lui più congeniale: omaggiando gli affetti più cari di una sua esibizione.

Alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma – straordinaria opera di un altro grande, Renzo Piano – il maestro ha diretto l’Orchestra ed il Coro di Santa Cecilia nella esecuzione di alcune delle opere della sua lunghissima e fulgida carriera.

Con lui, i premi Oscar Nicola Piovani e Dario Marinelli, che hanno invece diretto brani scritti in suo onore. In platea anche il compositore Salvatore Sciarrino, del quale è stata eseguita l’aria d’auguri “In dono a Morricone” con protagonista lo strumento nel quale il maestro si diplomò proprio al Conservatorio di Santa Cecilia nel lontano 1946: la tromba.

Un’antologia musicale in cui Ennio Morricone ha spaziato da capolavori quali “La Bibbia” e “Silicio” ad estratti delle sue colonne sonore fra le più celebri quali “La leggenda del pianista sull’oceano” e “Mission”, che hanno rappresentato il culmine di una serata suggellata da un tributo scrosciante.

Per celebrare il grande artista, accademico di Santa Cecilia dal 1996, è anche uscito il volume “90ennio” in cui sono raccolte foto, documenti e testimonianze di personaggi e registi. Nel museo degli strumenti musicali sono esposti i costumi di scena realizzati dalla Sartoria Tirelli per cinque film per i quali Morricone ha scritto le musiche.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.