Vertenza Salerno Pulita: stabilizzati 136 lavoratori, firmato l’accordo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa

Buone notizie per i lavoratori interinali di Salerno Pulita. Nella serata di ieri, 4 ottobre 2018, presso la sede della società partecipata del Comune è stato siglato l’accordo definitivo per l’assunzione delle 136 maestranze. L’accordo però è basato su un orario ridotto, nonostante le organizzazioni sindacali avessero chiesto il tempo pieno e quindi l’abolizione dello straordinario.

“L’amministratore della società ha ribadito la volontà aziendale del puntare sul part-time e quindi i lavoratori verranno assunti entro il 15 ottobre a 32 ore settimanali in luogo delle 38 contrattuali”, ha detto Angelo Rispoli, segretario generale della Fiadel provinciale.

“E’ stata accettata solo in parte la proposta del re-inquadramento professionale dei dipendenti per sanare eventuali discriminazioni esistenti all’interno dell’azienda e che vede al momento il lavoratore interinale inquadrato a un livello diverso rispetto al dipendente storico sebbene faccia la stessa mansione. Dal primo gennaio prossimo cesserà la fine di questa discriminazione”.

Ma la vertenza ora continua bisogna per far assumere i lavoratori delle cooperative sociali che lavorano nelle stesse zone di spazzamento che attualmente sono state conferite a Salerno Pulita. “Su questo aspetto si svilupperà l’attività sindacali dei prossimi giorni”, ha concluso Rispoli.

“Inoltre, sempre ieri presso la sede della Gesco si è tenuto un incontro con il presidente dell’Ente d’Ambito di Salerno, Giovanni Coscia, le parti sociali e i lavoratori del Consorzio Salerno 2. Abbiamo chiesto a Coscia di operare un’azione più incisiva che tuteli i dipendenti consortili che, stante l’attuale situazione, corrono il rischio di andare in mobilità. E’ una situazione paradossale in un settore che richiede forza lavoro e che per legge ha bloccato le nuove assunzioni se prima non si stabilizzano gli attuali dipendenti”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. Ringrazio la Cgil che con i fatti ci ha affiancati in anni di battaglie per la stabilizzazione. Tanto per citarne una la modifica della legge 14!!!! Per il resto è facile prendersi plausi a giochi fatti ma come si suol dire : so e makkarun ka riempiono a panz…… ed io da altri nn ho visto fatti anzi solo troppe chiacchiere!!!

  2. sai si stabilizziamo tutti.. anche i lavoratori delle cooperative!!! Ma è mai possibile che nelle partecipate di Salerno non è mai stato indetto un concorso vero e proprio per assumere non i soliti volti noti?

  3. LE ELEZIONI SI AVVICINANO QUINDI SERVE ALTRO SERBATOIO DI VOTI PERO’ PENSO CHE QUESTA VOLTA NON BASTERA’ ANDRETE A CASA

  4. Ricordo a tutti i cittadini contribuenti salernitani:
    1) Salerno Pulita SpA ha un organico di ben 450 dipendenti (un esercito), tra cui un amministratore unico, un direttore tecnico e quattro funzionari/quadri di ottavo livello;
    2) La Salerno Pulita SpA ha in media un lavoratore ogni 230 abitanti serviti contro una media nazionale di un lavoratore ogni 450 abitanti (sic!);
    3) La città è sporchissima e la percentuale di raccolta differenziata è oramai in costante decremento da diversi anni;
    4) I contribuenti salernitani pagano una tassa sui rifiuti tra le più alte d’Italia;
    5) Ogni giorno a Salerno dalle prime luci dell’alba fino a sera numerosi automezzi di soggetti terzi ritirano cartoni che dovrebbero essere raccolti dalla Salerno Pulita Spa, unico gestore autorizzato al servizio di raccolta rifiuti a Salerno con conseguenti mancati incassi per le casse della società partecipata e quindi a danno dei salernitani.
    V E R G O G N A
    Infine una domanda a tutti gli esponenti dei partiti all’opposizione in Consiglio Comunale ed a tutti i parlamentari del M5S eletti a Salerno : ma perchè non dite nulla in merito? Parlate in favore dei cittadini salernitani e soprattutto ponete un freno a tale vergogna!!!!!

  5. Spiegatemi come si può vedere nella Salerno pulita ragazzi e ragazze sui vent’anni che già lavorono li altri che stanno da una vita in lista di collegamento mai chiamati.ps quale santo ci vuole politico o altro per entrare a lavorare lì grz

  6. Si può cogliere l’occasione….
    1) Azzerare I vertici aziendali, dati i risultati raggiunti (la città è un cesso).
    2) riscrivere le regole di comportamento (chi non svolge bene i propri compiti dopo 2 avvisi viene licenziato) e gli obiettivi di qualità da raggiungere (strade pulite, verde pubblico in ordine, caditoie disostruite, etc)
    3) creare un gruppo di controllo a cui fanno parte anche i cittadini (documentare con foto le aree controllate)
    4) la classe dirigente ogni 3 mesi deve essere valutata in base agli obiettivi di qualità prefissati (se obiettivi non raggiunti si cambia).
    Non ci vorrebbe molto, solo la volontà di far aggiustare il tiro, toglierci dal degrado in cui siamo finiti…. Cosa ne pensate?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.