La Regione chiude le Fonderie per 45 giorni, esultano gli ambientalisti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
La Regione Campania ha disposto la sospensione dell’attività delle Fonderie Pisano per 45 giorni. Il provvedimento è conseguenza dell’inadempimento da parte delle Fonderie delle prescrizioni impartite con la diffida del 4 aprile 2018, che aveva riscontrato la non applicazione di 9 B.A.T. (Best Available Technologies) prescritte dall’Autorizzazione Integrata Ambientale.

Le reazioni

Il provvedimento di chiusura è stato accolto con soddisfazione anche dall’Associazione e dal Comitato Salute e Vita che hanno diffuso un comunicato stampa. «L’Associazione e il Comitato Salute e Vita apprendono con soddisfazione il provvedimento della Regione Campania del 05/10/2018 con il quale e’ stata disposta la sospensione dell’attività delle Fonderie Pisano per 45 giorni e comunque fino al ripristino delle “conformità all’autorizzazione”.

Finalmente dopo oltre 18 mesi si mette fine, per adesso, al nocumento per la salute e all’ambiente. Infatti già da maggio 2017 l’Arpac aveva evidenziato la non applicazione di 9 B.A.T. , ma dopo numerosi rimpalli di responsabilità tra Regione ed Arpac stessa solo adesso si mette un punto fermo sulla questione.

Il provvedimento inoltre arriva proprio in corrispondenza della scadenza dei termini della diffida ,inoltrata ad inizio settembre dal Comitato Salute e Vita al Sindaco di Salerno e a Regione Campania , affinché gli enti preposti  si assumessero le proprie responsabilità in base alle ultime risultanze Arpac.

La sospensione delle attività arriva, come già il comitato aveva sottolineato più volte anche nei recenti  incontri con Asl e comune, per il nocumento alla salute e all’ambiente provocato dalle emissioni diffuse ossia dalle emissioni non convogliate e non adeguatamente filtrate. Il problema delle emissioni diffuse, è bene ricordare, è presente fin dal novembre 2015, data del primo sopralluogo Arpac che portò alla chiusura del Febbraio 2016 e perdura fino ad adesso.

Giova inoltre sottolineare che la Regione Campania, proprio a causa del perdurare di tale situazione, ha contestualmente trasmesso al Sindaco di Salerno il provvedimento di sospensione dell’attività delle Fonderie ai fini delle assunzioni di eventuali misure , da parte del sindaco stesso,  ai sensi dell’art. 217 del Testo Unico delle Leggi Sanitarie e in qualità di Autorità Sanitaria Locale.

L’applicazione del sopra indicato articolo è stato anch’esso più volte sollecitato ad Asl e Comune proprio a causa del perdurare della situazione delle emissioni diffuse. Per tali motivi si richiede con forza al Sindaco e all’Asl di applicare le misure richieste dal Testo Unico delle Leggi Sanitarie   per evitare la prosecuzione del nocumento alla salute e all’ambiente.

Infine, in seguito alle risultanze indicate nel provvedimento di sospensione delle attività , ci si aspetta a questo punto che Asl e Comune, ognuno per le proprie competenze , diano parere sfavorevole alla prosecuzione delle attività, in occasione della conferenza dei servizi convocata per il 10 ottobre 2018 nell’ambito del procedimento di riesame dell’AIA.

Ribadiamo che Il comitato e l’associazione Salute e vita continuerà a vigilare e a compulsare gli Enti preposti alla Salute pubblica  e alla tutela dell’Ambiente affinchè si vada fino in fondo e si ponga fine a questa emergenza sanitaria ed ambientale a tutela della Vita della Salute e garantendo Giustizia piena.

Il Comitato e Associazione Salute e Vita

I MEETUP DI SALERNO, BARONISSI E PELLEZZANO

«I meetup  Amici di Beppe Grillo Salerno , Baronissi e Pellezzano avendo studiato attentamente la documentazione, avevano già previsto questo tipo di provvedimento e lo sollecitavano da tempo. Adesso, se nei prossimi 45 giorni lo stabilimento non si adeguerà si avrà la  revoca dell’autorizzazione e la chiusura definitiva dell’impianto.

Una chiusura definitiva dell’impianto si avrà anche se nella conferenza dei servizi del 10 ottobre gli enti convocati ( Regione, Asl, Comune, Arpac) daranno parere negativo dell’ambito del procedimento di riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale e ,dopo l’ennesima chiusura, tali pareri non potranno che essere sfavorevoli».

Meetup Amici di Beppe Grillo Salerno Baronissi e Pellezzano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. Perchè scrivete “gli ambientalisti” esultano? Io non sono ambientalista, sono uno normale che pero vive a Fratte (ma sarebbe lo stesso se fose stato il Carmine, PArco Pinocchio, ecc). e le fonderie mi rendono la vita impossibile con le le loro emissioni acri e nauseabonde oltre che cancerogene che sono costretto a respirare la mattina presto e non solo.
    Che cavolo centrano gli ambientalisti???? Siamo normali cittadini, ma caspoita venite una mattina acasa nostra e respirate e poi valutate. SOno un autentico cancro queste fonderie vecchie e fatiscenti lo volete capire o no?

  2. Scusate il sequestro partiva il giorno 5 perché durante la notte del giorno 8 e tutta la mattinata hanno lavorato?!? Come al solito chi deve vigilare lascia correre e noi ne paghiamo le conseguenze.

  3. Buttate via le chiavi questa volta L’arpac ha scritto a chiare lettere che è un pericolo per la salute e l’ambiente e il signore che occupa il comune di Salerno e si definisce sindaco ha sempre appoggiato i Pisano non prendendo posizione

  4. Purtroppo non chiuderanno mai,perche’ chi li dovrebbe far chiudere si fa corrompere facilmente

  5. Nessuna sentenza di riapertura,sono l’unica fabbrica in Italia capace di lavorare senza aia(autorizzazione impatto ambientale) rilasciata illeggittimamente nel 2012 dal Comune di Salerno(coincidenze) revocata definitivamente lo scorso anno poiché non rispettavano le bat (migliori tecnologie per non inquinare)

  6. Adesso mi aspetto che il comune si costituisca parte civile contro chi ha fatto chiudere le fonderie. Come hanno osato sottrarre la pagnotta ai nostri politici solo per tutelare la salute dei cittadini. Forza sindaco troveremo qualche altra soluzione e ci riattaccheremo felici alla mammella Pisanina

  7. Mi raccomando questa volta..al posto di attaccarvi ai cancelli attaccatevi a sta cippa!
    Criminali voi e chi vi ha comandato

  8. è evidente che tu tifi gli abusivi, i condonati, quelli che scassano le montagne ed erigono palazzine e palazzotti , varie e assortite. Da Fratte a salire su, per la valle dell’ Irno, hai solo l’imbarazzo della scelta dove guardare e capire (?) a cosa mi riferisco. Basta alzare il naso in su…e vedere quali scempi hanno fatto e cosa stanno facendo, ancora ieri e l’altro ieri… In questi casi il tuo senso di ambientalista è andato FORTE-MENTE a farsi friggere. Tu non sei diverso da tanti miserabili: vai a corrente alternata, vai come tira il vento … o Francia o Spagna, …!

  9. Sono un cittadino storico di Fratte non sono un ambientalista e vi do la mia testimonianza. Quando lavora la fonderia o si chiudono porte e finestre o la gola brucia e si sta male, quando la fonderia non lavora si respira aria decente e se lasci le finestre aperte durante la notte non rischi un risvegli annaspando perche”manca l’aria. Ora come detto prima non sono il paladino dell’ambiente ma Se aprono e chiudono questa benedaletta fonderia perché dicono nociva e se quando lavorano si sta cosi male c’è poco da aggiungere. La fonderia non rispetta le regole e in un paese civile si costruisce secondo legge e si lavora secondo legge altrimenti si abbatte ciò che si deve e si persegue penalmente chi uccide consapevolmente con emissioni nocive

  10. No vabbe ma se devo leggere che paragonano la fonderia ad una casa abusiva vuol dire che la galera non serve, qui ci vogliono ricoveri forzati e cure miracolose. A questo punto vi perdono tutti, purtroppo siete degli emeriti imbecilli e andate giustificati

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.