Moschea a Salerno: i salernitani dicono sì

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
34
Stampa
Coloro che professano la religione islamica nel salernitano, al momento, si servono di uno spazio privato come luogo di culto pagando un fitto mensile di circa 800 euro e hanno avanzato la proposta di ottenere una struttura comunale. Ebbene, qual è l’opinione dei cittadini in merito a questa situazione? Lo scrive il quotidiano Le Cronache oggi in edicola

Questo il parere di Francesca Coscia che afferma: “Sulla realizzazione della Moschea a Salerno sono pienamente d’accordo in quanto penso che ogni individuo abbia diritto ad un luogo dove pregare la propria fede cristiana o mussulmana che sia. La fede della propria religione è l’essenza dell’Io e per tale motivo dobbiamo rispettarla anche se non la condividiamo, senza farci condizionare dagli episodi di violenza che ci narrano le cronache”.

Differente, invece, l’opinione di Roberta De Chiara, la quale asserisce: “Come cittadina salernitana e come credente nella religione cristiana ritengo che non sia necessaria la costruzione di una Moschea sul territorio salernitano in quanto, la comunità islamica, sostiene di volersi autofinanziare qualora venisse realizzata e quindi non vedo nessun vantaggio rispetto a quello che stanno vivendo in questo momento dato che, ad oggi, quest’ultimi si riuniscono in una struttura privata pagando il fitto di tasca propria. Ritengo quindi, che in tali circostanze, la costruzione della Moschea risulterebbe solo irrispettosa nei confronti della comunità cristiana e nei confronti delle tradizioni cristiane storiche salernitane”.

“L’edilizia di edifici di culto, quali possono essere le Moschee, sollevano delicate problematiche che affondano le proprie radici nel principio di libertà religiosa tutelato a più riprese dalla nostra Costituzione”.

Così esordisce Hélène Noschese che prosegue con le seguenti parole: “All’interrogativo se sia o meno d’accordo con l’apertura di una Moschea nella nostra città posso solo rispondere che il Comune di Salerno, se non erro, già nel 2015 ha concesso la prima Moschea alla comunità islamica e ciò non ha comportato scompigli, ritengo di essere a favore della libertà di tutti purché esercitata nel rispetto delle regole del nostro Paese”.

Sarebbe favorevole alla realizzazione di un luogo di culto dedicato alla comunità islamica anche Giovanni Pecoraro, il quale dichiara: “Il nostro Dio è unico, sia per noi che per i mussulmani, quindi se rispettano le leggi del luogo dove vivono, non vi è alcun problema”.

Queste, invece, le parole di V. G. riguardanti la richiesta della comunità islamica di Salerno: “Questo argomento comincia ad essere tenuto in considerazione in modo esagerato da noi italiani e da chi ci governa.

Ultimamente ho letto qualche articolo sui giornali e come sempre, loro non chiedono ma vogliono: vogliono costruire, vogliono togliere il crocifisso e il più delle volte vengono accontentati anche in situazioni davvero vergognose come, ad esempio, per quanto riguarda il presepe a Natale o, ribadisco, il crocifisso nelle aule delle scuole.

Onestamente non sono per niente d’accordo con la realizzazione di una Moschea perché sono convinto che si creerebbero tutta una serie di situazioni pericolose dato che è noto in tutta Europa che queste strutture siano centri di ritrovo non solo per le brave persone, che sicuramente saranno tantissime, ma purtroppo anche di tanti terroristi o aspiranti tali. Tanti Imam sono stati arrestati o espulsi proprio perché nelle Moschee si ritrovano coloro che seguono correnti ideologiche estremiste.

Ci ritroveremmo un numero esagerato di extracomunitari in città perché, da quello che so, non vi sono tante Moschee in giro per la provincia o nella regione, di conseguenza inizierebbero a venire tutti qui e potrebbe essere un serio problema.

Loro, inoltre, chiedono, vogliono ma io non ho capito chi dovrebbe costruire questa struttura, dove andrebbe messa, quindi sinceramente non sono per nulla d’accordo, anzi io tenderei ad insegnargli a rispettare il paese nel quale si trovano e non darei loro altri mezzi per imporsi come già fanno normalmente”.

Fonte Le Cronache

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

34 COMMENTI

  1. L’ignorante sei tu io sono stato nei paesi del Golfo quando navigavo su petroliera, un giorno mi è capitato di scendere a terra in quando avevamo problemi ai motori costretti ad entrare in porto , quando quel paese di merda l’ho vedevo solo da lontano dai bocchettoni dove caricano il petrolio, su invito di un marittimo di Molfetta che voleva visitare la città scendiamo a terra, non l’avessi mai fatto, passato il controllo doganale ci fermano perché entrambi indossavano il crocifisso in terra sacra per loro. A quel siamo stati trattenuti in quanto blasfemi presso una stazione di Polizia, non vi sto annoiare quello che ho visto un Paese teocratico e antiquariato, ebbene dopo una scusa da parte nostra siamo ritornati indietro di 500 metri a bordo senZa visitare quel cesso di città.
    Sempre per l’ignorante che non sa nemmeno dove abita prima di parlare aziona il cervello sempre se ce l’hai e documentati prima di parlare ma non con la TV andando sul posto ignorante.

  2. Tolleranza? Siamo noi occidentali che abbiamo per prima e perpetuato comportamenti di intolleranza e prepotenza.
    Cosa dice l’articolo 19 Costituzione
    Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume.

    Cosa dice l’articolo 20 Costituzione
    Il carattere ecclesiastico e il fine di religione o di culto d’una associazione od istituzione non possono essere causa di speciali limitazioni legislative, né di speciali gravami fiscali per la sua costituzione, capacità giuridica e ogni forma di attività

    La libertà religiosa è un «corollario» della libertà di coscienza, libertà che consente all’individuo di coltivare ed esprimere le sue convinzioni.

    La tutela della «libertà di coscienza» non permette che i comportamenti individuali siano oggetto di nessuna forma di imposizione vincolante in quanto la dimensione della coscienza di ciascuno non può essere in nessun caso violata dall’autorità dello Stato al quale spetta solo l’obbligo di garantire a tutti il libero esercizio delle libertà, purché non si concretino attività illecite o contrarie al buon costume.

    Per me possono chiudere anche le chiese…

  3. Buddisti, benvenuti.
    Induisti, benvenuti.
    Pagani, benvenuti.
    Pastafariani, benvenuti.

    Atei, benvenuti.
    Musulmani, a casa.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.