Capaccio Paestum: sequestro Caseificio e parte di un fabbricato abusivo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Continuano le operazioni di tutela ambientale e di salvaguardia della salute pubblica nel territorio del Comune di Capaccio Paestum. In data  4 ottobre scorso il personale della Polizia Municipale di Capaccio Paestum appartenente al Nucleo N.A.I. ( Nucleo Ambientale Investigativo), con personale dell’Ufficio tecnico  e dell’Ufficio Ambiente del medesimo Comune in collaborazione con le Guardie Giurate Volontarie WWF Italia del Nucleo di Salerno hanno predisposto una serie di controlli atti ad accertare la corretta gestione e lo smaltimento dei rifiuti provenienti dalle attività legate alla filiera Agricola Bufalina;

Gli operanti dopo diversi sopralluoghi ed appostamenti effettuati nei giorni precedenti, atti ad individuare la provenienza di sostanze assimilabili a rifiuti liquidi compatibili con i rifiuti prodotti da attività lattiero casearie rinvenuti in alcuni canali consortili ed in corpi idrici superficiali affluenti del Fiume Sele, hanno effettuato un controllo di routine in un Caseificio in zona Stregara/Ponte Barizzo;

Effettuati i controlli documentali e ispettivi si è accertata la presenza di 4 vasche interrate e di contenitori esterni atti a contenere i reflui della lavorazione e le acque di lavaggio del caseificio;

Successivamente con l’ausilio della Fluoresceina si è potuto stabilire che le vasche interrate tramite un foro di troppo pieno e grazie al convogliamento in una rete di canali interrati giungeva in un fosso canale scaricando in esso i reflui aziendali , attivando di fatto uno scarico illegale di rifiuti liquidi;

Nel corso delle attività si è poi accertata anche una violazione urbanistica a carico del proprietario dell’immobile che ospita l’attività casearia; in seguito agli accertamenti effettuati si è proceduto al sequestro preventivo delle vasche interrate, di un’area di piazzale di circa 60 mq,  di una porzione di immobile di circa 100 mq, e alla denuncia alla Procura della Repubblica di due persone;

Si ricorda che la Task Force Ambientale coordinata e voluta dall’Ente Riserve Naturali Foce Sele-Tanagro e Monti Eremita-Marzano per il contrasto all’inquinamento del fiume Sele
e dal Sindaco del Comune di Capaccio Paestum ad oggi ha effettuato  diversi controlli sul territorio, le attività proseguiranno al fine di stroncare i fenomeni di inquinamento i quali  oltre a creare grave danno all’ambiente costituiscono anche un pericolo per la salute pubblica e un danno all’immagine delle tante  “aziende modello” del settore Bufalino della Piana;

Wwf Italia ONLUS ONG

Il Delegato per la Campania arch. Piernazario ANTELMI

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.