Il furgone che rapisce i bimbi: la falsa notizia continua a fare il giro del web

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Continuano ad impazzare sulla rete le bufale del furgone bianco e dei rom, o in alternativa, della donna che rapisce i bambini.

Secondo i diffusori della prima fake news, un camioncino bianco ad uso commerciale con a bordo dei rom si aggirerebbe nei pressi delle scuole con lo scopo di rapire i bambini.

“Se avvistate questo furgone, state attenti ai vostri figli. Dentro ci sono dei rom che rapiscono i bambini” – questa è la frase che sta accompagnando la foto del camion bianco.

Pochi giorni fa, l’allarme era stato dato a Trentola Ducenta, nel casertano, dove all’esterno della scuoladi via Rossini un gruppo di persone non identificate avrebbe tentato di portare via un bambino alla presenza della mamma e di una docente.

L’altra bufala riguarda un audio WhatsApp in cui si fa riferimento ad una donna (accompagnata da complici) appostata all’uscita delle scuole con l’obiettivo di approfittare della distrazione dei genitori per portare via i bambini.

In realtà, queste due notizie erano già state categoricamente smentite tempo fa da vari siti ed utenti, oltre che dalla Polizia.

Allarmismo diffuso
Fatto sta che questo tipo di bufale è riuscito ad allarmare di nuovo le mamme ed i papà.

Infatti, quando un uomo è stato sorpreso nel napoletano a scattare foto ad alcuni bambini all’uscita della scuola, ha rischiato il linciaggio. Solo l’intervento della Polizia ha salvato l’uomo, che si è rivelato essere totalmente estraneo a qualsiasi organizzazione di stampo criminale.

Caso di allarmismo simile ha interessato una ditta di Napoli. Il titolare, accusato di far parte di un gruppo criminale a caccia di bambini, dichiara: «Non so come sia potuta accadere una cosa del genere, posso solo dire che noi in quel momento stavamo facendo delle consegne. La signora ha preso quella foto e l’ha pubblicata, dicendo che eravamo rom che rubavamo bambini. Ma non c’è niente di vero». Anche il padre della bambina in questione ha poi smentito l’episodio.

Quindi, chiunque dovesse ricevere una o entrambe le bufale è tenuto a non diffonderle ulteriormente per evitare inutili allarmismi. Regola sempre valida è quella di verificare sempre i contenuti delle notizie prima di diffonderle ai propri contatti.

Qualche anno fa si parlava di un altro furgone bianco con a bordo persone mascherate da pagliacci intenzionate a rapire bambini. La verità è uscita solo pochi giorni dopo: questo furgone bianco non esisteva, tanto meno questi pseudo pagliacci in cerca di bambini. Qualcuno aveva deciso di divertirsi, adattando alla modernità l’ormai famosissimo pagliaccio IT. Eppure la notizia aveva destato il panico tra le mamme, con bambini costretti a non uscire più di casa soli.

Lo scrive L’Occhio di Salerno.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.