Sanità, De Luca non può essere commissario. Lo ha deciso il Governo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Il Consiglio dei ministri approva il decreto per ripristinare l’incompatibilità tra la carica di governatore e commissario alla Sanità.  La norma, introdotta una prima volta nel «decreto per Genova» e poi rimossa è stata reintrodotta nel decreto fiscale approvato ieri sera dal consiglio dei ministri. «È una norma – ha spiegato il vicepresidente del consiglio dei ministri, Luigi Di Maio (si legge su Il Mattino oggi in edicola) – fatta per togliere le mani di De Luca dalla gestione della sanità».

La norma riguarda sia De Luca, sia il presidente della regione Lazio, Zingaretti, entrambi del Pd. De Luca in passato ha più volte ribadito che l’incompatibilità non lo riguarda perché entro novembre la Regione conta di uscire dall’emergenza finanziaria nel settore della sanità che otto anni fa ne determinò la gestione commissariale del governo.

De Luca – ricorda La Città oggi in edicola -aveva già liquidato il caso una settimana fa. «Reintrodurre l’incompatibilità penso che sarebbe un’idiozia» aveva replicato a chi gli chiedeva commenti sui piani del governo.

La strategia della Regione è chiara: l’estate scorsa è partita la richiesta per l’uscita dal piano di rientro dal deficit e dal commissariamento, e quindi il tema viene ritenuto superato. Un orizzonte che potrebbe, però, scontrarsi con le valutazioni dell’esecutivo, dal quale non filtrano umori positivi. «Non ci sono più motivi perché la Campania sia commissariata – insisteva De Luca nei giorni scorsi –.

A fine novembre avremo il solito incontro con il ministero dell’Economia e della Salute nel quale presentiamo il piano di rientro triennale».

Il testo appena partorito prevede un termine di 90 giorni per nominare il nuovo commissario, una volta che il governo avrà rilevato l’incompatibilità. Rispetto alla legge in vigore, si mantiene solo la verifica semestrale sull’operato della struttura commissariale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. La dichiarazione di Di Maio è la prova lampante dello schifo attuale. Io non ricordo una legge o una delibera fatta per mettere la museruola ai gaglioffi pentastellati e ai loro ricottari della russoeau….e c’è una bella differenza tra un provvedimento che favorisce qualcuno e una legge fatta contra personam…ma cosi è se vi pare. Questa è la prova che gli italiani in genere, e i meridionali nello specifico , non capiscono un’acca nè di politica nè di storia….l’asticella di questi nuovi fascisti ogni giorno viene messa un pochino più in alto…e un giorno vi troverete con ii manganello in culo davanti a un bancomat che vi sputerà in faccia.

  2. questi sono quelli che chiedono a noi di comprare bot e btp….mentre loro portano il grano in Svizzera , savona 1.3 milioni euro….borghi 400 mila euro ….. speriamo facciano una legge che chiudano la bocca a te e a tutti gli stupidi come te.

  3. Pasta o non pasta VDL resta il miglior amministratore pubblico e uomo politico degli ultimi 30 anni non solo al SUD ma in tutta Italia.
    Un’azione di squallido squadrismo fascista non tollerabile nei modi.

    La legge può anche andar bene ma il modo con cui è stata presentata da questo ciuccio di LDM è di una CAFONERIA MONDIALE

  4. Hanno fatto benissimo De Luca ed il suo cerchio magico non possono gestore anche la sanità ….

  5. Credo che De Luca, subentrando a Bassolino e Caldoro , abbia ereditato una situazione fallimentare, che dopo tre anni è riuscito a ricomporre. Ora quando tutto è risolto vogliono mandare un “loro” Commissario??? A far cosa??? A prendersi i meriti di un lavoro fatto da altri????
    Questo più che un Governo del cambiamento mi sembra di “Bassa Lega”

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.