La priorità è e resta il lavoro (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“A settembre l’occupazione torna a calare, seppure lievemente, dopo la crescita registrata ad agosto, mentre torna a crescere la disoccupazione dopo due mesi di ampia diminuzione.

Il calo dell’occupazione si concentra tra i dipendenti permanenti, segnali positivi si hanno invece per dipendenti a termine e indipendenti”.

L’Istituto nazionale di statistica, la scorsa settimana, ha così presentato i dati provvisori sugli occupati e i disoccupati nel mese di settembre 2018.

La stima degli occupati ha subito una flessione su base mensile dello 0,1%, che corrisponde a 34 mila unità, il tasso di occupazione così tocca quota 58,8%, mentre sale il tasso di disoccupazione al 10,1%, ossia +0,3% su base mensile. Aumenta dello 0,2%, anche il tasso di disoccupazione giovanile, che si attesta al 31,6%.

Risulta interessante il dato relativo al tipo di occupazione: è nettamente diminuito il numero di dipendenti a tempo indeterminato, sceso di 77 mila unità, è aumentato invece di 27 mila unità il numero di dipendenti a termine e, di +16 mila, quello degli indipendenti. Il numero di inattivi tra i 15 e i 64 anni a settembre è sceso dello 0,3%, pari a 43 mila unità, il tasso di inattività è sceso al 34,5% (dello 0,1%).

Se inseriti nel quadro complessivo del trimestre, i dati evidenziano che il numero di occupati è sostanzialmente stabile, ma c’è un calo dei disoccupati del 6,5% (pari a 180 mila unità) e un aumento degli inattivi dell’1,0% (+126 mila unità). Si registra altresì una diminuzione degli occupati tra i 15 e i 49 anni e un aumento tra gli over 35, mentre è cresciuto notevolmente il numero dei lavoratori a termine (+3,2%, +98 mila) ed è calato quello dei dipendenti permanenti (-85 mila) e degli indipendenti (-23 mila).

Su base annua, invece: l’occupazione a settembre cresce dello 0,9%, pari a +207 mila unità e riguarda sia uomini sia donne, ma si concentra fortemente tra i lavoratori a termine (+368 mila) e lievemente anche tra gli indipendenti (+22 mila), mentre si registra una forte flessione dei dipendenti permanenti (-184 mila).

Nell’arco del 2018 si registra un aumento degli occupati over 35 (+333 mila) e, in misura più contenuta, dei 15-34enni (+27 mila), mentre calano i 35-49enni (-154 mila). Il segno è comunque positivo per l’occupazione in tutte le classi di età e nei dodici mesi, a fronte della crescita degli occupati, si stima anche un forte calo dei disoccupati (-9,9%, pari a -288 mila) e una lieve diminuzione degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,1%, -19 mila unità).

È inutile girarci intorno, è la crescita a produrre occupazione e i numeri rendicontati dall’Istat certamente non incoraggiano, anzi. Il nostro è un Paese ancora in grande affanno, che fatica ad individuare soluzioni a breve e medio periodo e, francamente, la speranza non può bastare più.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.