Droga e porto abusivo di armi: 7 arresti all’alba tra Napoli e Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

I carabinieri di Castellammare di Stabia (Napoli), hanno eseguito sette ordinanze di custodia cautelare nei confronti di sette persone accusate per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti nonché detenzione e porto abusivo di armi. Due arrestati sono stati tradotti in carcere, 3 ai domiciliari, a 2 è stato notificato il divieto di dimora nella provincia di napoli. I provvedimenti sono stati eseguiti su richiesta del Gip di Torre Annunziata nei comuni di Casola di Napoli, Lettere, Torre Annunziata e San Rufo (Salerno).

I militari hanno indagato sui canali di approvvigionamento per piazze di spaccio nelle province di Napoli e Salerno cui giungevano rifornimenti di marijuana e cocaina. i reati sono stati commessi tra l’ottobre 2017 e il marzo 2018. Due arrestati sono stati tradotti in carcere, 3 ai domiciliari, a 2 è stato notificato il divieto di dimora nella provincia di Napoli.

In carcere – scrive Il Mattino nella sua edizione on line – vanno Ciro Sabatino, 45 anni, di Pimonte, noto come Cipriano, residente a San Rufo, e Giuseppe Sudano, 31 anni, di Salerno. Ai domiciliari, invece, Antonio Marmo, 26 anni, figlio di Michele, sindaco di San Rufo; Ciro Gargiulo, 55 anni, detto ‘o biondo, di Lettere; Antonino Di Lorenzo, 52 anni, alias ‘o lignammone, pregiudicato di Casola. Divieto di dimora in provincia di Napoli per C.D.L., 23 anni, al momento ai domiciliari a Casola, e P.O., 40 anni, benzinaio di Torre Annunziata. I sette hanno tutti precedenti specifici.

Gargiulo e Sabatino – insieme a Di Lorenzo ritenuti tra i più esperti narcos dei monti Lattari – erano stati arrestati a settembre in una piantagione di canapa indiana a Roscigno, sempre nel Salernitano.  Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Di Lorenzo gestiva una piazza di spaccio di droga, ma con Gargiulo e Sabatino riusciva a rifornire anche i pusher di San Rufo e Teggiano, tra cui proprio il figlio del sindaco Marmo.

Durante le indagini sono stati documentati diversi episodi di spaccio di marijuana (anche un chilo alla volta) e cocaina, mentre alcuni degli indagati erano in possesso di fucili da caccia e centinaia di cartucce, insieme a polvere pirica per ordigni artigianali.

VIDEO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.