No al DDL Pillon, anche Cava de’ Tirreni si mobilita

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Anche Cava de’ Tirreni mobilitata contro il disegno di legge Pillon grazie all’iniziativa dell’Associazione Resilienza di Agorà con la collaborazione del Comune di Cava de’ Tirreni e delle associazioni ‘Se non ora quando’, ‘Frida per le donne’, Rosa di Gerico, ‘Fuori Tempo- Teatro Luca Barba e Manden’.

Prima un convegno per spiegare le motivazioni del ‘No al DDL Pillon’ e poi un flash mob per le vie cittadine.

Ad aprire i lavori i saluti dell’amministrazione da parte del sindaco, Vincenzo Servalli, dell’assessore Barbara Mauro e della consigliera, Paola Landi e  delle presidenti delle associazioni, Cettina Capuano, presidente Se non Ora Quando, Ilaria Sorrentino-presidente Frida per le donne, Flora Calvanese- presidente La Rosa di Gerico e Gertrude Barba- presidente Fuori Tempo- Teatro Luca Barba.

A partecipare al convegno, tra gli altri, la presidente di Resilienza di Agorà, Filomena Avagliano, la presidente di Manden, Grazia Biondi e l’avvocato Emilia Natale.

“Il ddl pillon rappresenta uno strumento normativo di pericolo per una concreta bigenitorialita, che risponda in primis agli interessi dei minori. – Ha spiegato l’avvocato Emilia Natale. – Sotto l’egida della perequazione genitoriale sperequa invece lo strumento giudiziario a discapito dei soggetti deboli delle vicende processuali; che vedono vittime in primis i bambini e che assistono ad una possibilità di difesa garantita sistematicamente al coniuge economicamente più forte, raccontando del gratuito patrocinio come una panacea per le donne, soggetti notoriamente deboli sotto l’aspetto lavorativo ed economico, mentre invece così non è!

È necessario che le persone sappiano quali strumenti vengono previsti da questa proposta normativa, su quali tutele giudiziarie incide e cosa realmente potrebbe accadere se passasse una legislazione così concertata. La finalità dell’incontro è divulgare, spiegare ai non addetti ai lavori quel che il “burocratese” non traduce, affinché sappiano come potrebbero cambiare le dinamiche endofamiliari e le conseguenti tutele nel momento patologico del rapporto e quando si determini una frattura coniugale e genitoriale. “

L’incontro ha ribadito il ‘NO’ alla mediazione obbligatoria, all’imposizione di tempi paritari e alla doppia domiciliazione/residenza dei minori, al mantenimento diretto, al piano genitoriale e all’introduzione del concetto di alienazione parentale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.