Sicurezza Porto Salerno: Filt Cgil chiede installazione defibrillatore

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
La Segreteria Provinciale Salerno della Filt CGIL intende richiamare l’attenzione su tutti quei fattori che comportano un’altissima esposizione al rischio di infortunio per l’insieme dei lavoratori che operano all’interno dell’area portuale che, data la peculiarità del lavoro, potrebbero avere anche conseguenze estreme.

Quest’anno nel Porto di Salerno si è consumata l’ennesima tragedia, la terza in 24 mesi: Lino Trezza, Beniamino Tafuri, Alfonso Ragone sono morti lavorando e sotto gli occhi attoniti dei lavoratori. Noi – si legge in una nota – abbiamo il dovere di arrestare quest’ecatombe. Va perseguita strenuamente la sicurezza e posta al centro di ogni attività”.

“Esistono dei fattori lavorativi che contribuiscono ad aggravare eventuali malattie cardiovascolari, quali monossido di carbonio, piombo, inalazione di gas tossici, condizioni lavorative stressanti, esposizioni al caldo e al freddo estremi, sforzi fisici eccessivi, elettrocuzione e altri. In queste realtà, investire in sicurezza e valorizzare le risorse umane, significa sviluppare partecipazione, senso di appartenenza e più in generale lavoro sicuro, in tutti i sensi”.

“L’intento è, oltre di sensibilizzare i lavoratori, attori principali del ciclo delle operazioni portuali, in maniera coerente ed efficace sia in relazione agli obblighi loro spettanti ai sensi dell’art. 20 del D. Lgs n. 81 del 2008, sia in relazione ad un sistema partecipato in cui i lavoratori siano consapevoli dei loro obblighi e delle tutele loro spettanti, e di installare in tutte le aziende defibrillatori che possano intervenire in tempi molto ristretti quando occorre prestare aiuto ad una persona che perde conoscenza in arresto cardiaco”.

“Diversi studi epidemiologici evidenziano quanto sia essenziale intervenire nell’immediatezza dei sintomi premonitori giacché l’azione dei mezzi di soccorso risulta tanto più efficace quanto più tempestiva. L’utilizzo dei defibrillatori, al giorno d’oggi, è sempre di più facile utilizzo, disponibile in versione semiautomatiche, che aiutano in caso di rianimazione cardiopolmonare, ad attuare la procedura in tempi ristretti; esso può essere usato anche da personale non sanitario debitamente formato, infatti consente di prestare i primi efficaci soccorsi”.

“L’intervento tempestivo aumenta, in modo statisticamente significativo, la possibilità di sopravvivenza del lavoratore e contribuisce a salvare fino al 30% in più delle persone colpite e che l’intervento di defibrillazione, efficace se praticato nei primi 5 minuti, può essere ancora più precoce se presente sul posto di lavoro”.

“L’esito degli infortuni sul lavoro dipende non soltanto dall’entità del danno, ma anche dalla prontezza ed efficacia dei primi soccorsi che possono fare la differenza tra la vita e la morte, tra recupero rapito e prolungato, tra disabilità temporanea o permanente. Questo vale anche per la morte cardiaca improvvisa, evento che in molti casi si verifica sul posto di lavoro”.

“Riteniamo perciò opportuno e necessario – conclude la nota – in un ambiente come il Porto di Salerno, provvedere ad istallare defibrillatori semiautomatici e formare adeguatamente il personale di ogni azienda, consentendo così di prestare i primi soccorsi e di avviare azioni che possono aiutare a salvare la vita dei lavoratori portuali.

Gerardo Arpino – Segretario Generale Filt CGIL Salerno

Vincenzo D’Agostino – RSA FILT-CGIL

Francesco Di Florio – RLS FILT-CGIL

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Prima del defribrillatore bisogna istruire le persone a saperlo usare investendo con la frequentazione di appositi corsi…corso blsd da rinnovare ogni due anni…ad ogni turno di lavoro almeno due persone dovrebbero avere il brevetto…quante chiacchiere che fate ..un brevetto serio con frequenze costa 300 euro…un defribillatore costa sui 1500 euro…se tutti i lavoratori fanno una colletta di 10 euro per salvaguardare se stessi credo che si eviterebbero tutti questi casini, acquistandone pure due e formando almeno cinque o sei persone….mandando a quel paese chi dovrebbe farlo

  2. Il sindacato della culp e disponibile a qualsiasi proposta x il bene comune. Ma dove sono le altre imprese con i loro sindacati? Chi si vuole fare si dia da fare. E nn lamentandosi a chiacchiere.servono i fatti

  3. Infatti nella nota, se leggi bene, ce scritto di formare il personale… non criticate sempre oppure strumentalizzate ogni situazione. Leggete

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.