Morì con i gemellini in grembo: ginecologo condannato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Maria Rosaria, giovane donna di Angri di 25 anni, morì all’ospedale di Scafati il 24 aprile 2011 insieme ai due gemellini che portava in grembo. Dopo sette anni di attesa il giudice Raffaela Caccavale del tribunale di Nocera Inferiore ha condannato ad 1 anno e 6 mesi di reclusione V. C., il ginecologo dell’ospedale scafatese.

Per il giudice sarebbe stato lui l’unico colpevole dellamorte dei due gemellini. La decisione esclude responsabilità per gli altri medici coinvolti: tutti assolti perché il fatto non sussiste. Rispondevano tutti di aborto colposo in concorso. Maria Rosaria morì il giorno di pasquetta del 2011 insieme ai gemelli che aveva in grembo per le conseguenze di un ascesso divenuto fatale, una infezione non seguita.

Maria Rosaria Ferraioli fu visitata in primis dal suo ginecologo di fiducia, per un ascesso alla radice della coscia destra. Secondo i consulenti del pubblico ministero, invece di una terapia antibiotica, le fu prescritta una pomata. Dopo due giorni, con il dolore in aumento, la donna si recò a Scafati, in pronto soccorso.

Qui, visto il suo stato di gravidanza, fu visitata in reparto dal ginecologo, ora condannato, che secondo le accuse valutò quell’ascesso come un problema da risolvere chirurgicamente.

Ma senza effettuare dei controlli di tipo ginecologico sulla paziente, omettendo di controllare lo stato di salute dei due bimbi che la donna portava in grembo, attraverso un’ecografia o con altri esami.

Da qui, la decisione di trasferire la donna in chirurgia, dove un medico chirurgo, dopo essersi consultato nuovamente con il ginecologo, che anche quella volta – secondo le accuse – diede l’ok per l’intervento, spinse il collega ad intervenire su quell’ascesso con un’incisione e successivo drenaggio.

La situazione precipitò nella notte, quando Maria Rosaria fu colta da uno shock settico. Il taglio cesareo che fu tuttavia praticato dai medici, non sortì effetto. La giovane madre morì insieme ai suoi due gemelli. Il ginecologo dell’ospedale Scarlato è stato condannato per omicidio colposo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.