Un algoritmo ‘made in Napoli’ a supporto della Sicurezza (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La Polizia di Stato, da tempo, sta sviluppando e implementando un applicativo denominato XLAW il quale, testato dalla Direzione centrale della Polizia criminale (Criminalpol) in molte città, ha sinora dato esiti più che soddisfacenti.

Ideato da un ispettore in forza alla questura di Napoli, grazie anche ad una partnership con le Università del capoluogo campano, “Federico II” e “Parthenope” il software si è dotato di un complicato algoritmo euristico che, durante la fase di sperimentazione, ha portato, ad esempio, in una città come Prato, a diminuire del 34% la commissione dei reati e ad aumentare del 54% gli arresti da parte delle pattuglie delle Volanti.

Solo pochi giorni fa, XLAW è stato presentato ed introdotto ufficialmente presso la questura di Venezia ed i risultati non si sono fatti attendere. La scorsa settimana, infatti, le volanti hanno arrestato a Mestre un italiano di 55 anni, senza fissa dimora, per furto aggravato. I poliziotti che lo hanno acciuffato si trovavano già in zona per via dell’alert segnalato al sistema, che prevedeva tra le 3 e le 4 del mattino la possibile commissione di un reato predatorio presso un esercizio di una zona molto ben circoscritta.

La sicurezza del cittadino e la tutela dell’ordine pubblico, la prevenzione e la repressione dei reati, rimangono le priorità di tutte le Forze di Polizia. Esse sono quotidianamente chiamate a garantire, tra l’altro, la percezione di sicurezza cosiddetta, ponendo sempre al centro il superiore interesse della gente e dello Stato.

È vero che ormai siamo un po’ tutti sottoposti all’occhio del “grande fratello”, ma è altresì evidente che, al pari della professionalità e del know-how delle donne e degli uomini in divisa, l’ausilio delle moderne tecnologie svolge un ruolo imprescindibile per prevenire ed affrontare delitti di ogni genere.

La storia insegna che qualunque scoperta può essere utilizzata sia a fin di bene che, ahimè, a fin di male e il male, spesso, non bada a spese. Sarebbe, dunque, assai pericoloso farsi trovare sguarniti o impreparati rispetto alle evoluzioni dettate dalla modernità.

Sono e resto convinto che il bene comune, non può mai essere disgiunto da quello di ogni individuo e che la tutela, come la dignità, di una comunità passi per quella di ciascuna persona che la compone.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.