Fonderie Pisano, Cammarota: Comune e Regione rimedino a loro inadempienze

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
“Con l’ordinanza del Tar che sospende l’attività delle Fonderie Pisano si evidenziano tutte le responsabilità e le inadempienze del governo pubblico del territorio, colpevolmente assente nella gestione della vicenda”.

Lo afferma in una nota l’avv. Antonio Cammarota, Presidente della Commissione Trasparenza, il quale ricorda come “sin dal 6.5.2014 in commissione provinciale Terra dei Fuochi” di cui Cammarota era Presidente, “in una pubblica riunione con tutte le rappresentanze istituzionali, aziendali, pubbliche, il comitato Salute e Vita, fu individuata nella delocalizzazione concertata l’unica via possibile”.

Cammarota ricorda anche “tutte le inutili istanze e gli appelli caduti nel vuoto di questi anni al Comune e alla Regione per organizzare un tavolo di concertazione, a fronte delle inutili passarelle politiche ed elettorali di consiglieri comunali, Sindaco, politici presenti e futuri”.

“La verità”, afferma Cammarota, “è che va coniugato ambiente, lavoro e produzione, e questo avviene solo con la delocalizzazione concertata in mano pubblica attraverso preventivi accordi di programma e conferenze di servizi, per impedire inutili contratti preliminari privati poi stracciati da varianti urbanistiche, e accompagnati dalla premialità della clausola sociale, ovvero l’assunzione di manodopera locale per la costruzione del nuovo stabilimento”.

“Alea iacta est”, conclude Cammarota, “ed è ora che ognuno faccia la propria parte, innanzitutto l’istituzione pubblica, in primis Comune, Provincia e Regione, che nulla hanno fatto pur avendo il potere e il dovere di agire”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Egregio Cammarota non dimentichi che chi ha sbagliato deve essere perseguitato e punito con pene severissima vista la spudoratezza e il ripetersi dei reati. L’azienda ha lucrato sulla salute publica e ha inquinato, i giudici lo hanno assolto,chi doveva controllare non lo ha fatto,chi doveva tutelare i cittadini non lo ha fatto e la politica ci ha mangiato o ne ha ricavato voti per tacere. Ora ad ogni voce corrisponde uno o più nomi faccia lei ma che siano puniti grazie! Parlare di delocalizzazione l’azienda vuol dire dimenticare cosa hanno fatto fino a ieri mattina, qui nessuno vuole dimenticare, vogliamo giustizia.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.