Format campionati incontro in Figc, c’è anche Claudio Lotito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Secondo consiglio federale dell’era Gravina oggi, lunedì 26 novembre. Appuntamento in mattinata a via Allegri. La Figc prende sempre più forza, la “squadra” del presidente sarà quasi al completo.

Verrà votato il comitato di presidenza, l’organo di governo ristretto: oltre a Gravina ci sarà un rappresentante della Lega di A (Lotito), il presidente della Lega C, Ghirelli, appena eletto ma già molto attivo, e uno fra Tommasi (sindacato calciatori) e Berretta (assoallenatori).

Inoltre verranno formate le cinque commissioni che dovranno lavorare, e in fretta, sul programma: per ora è stata istituita solo quella della giustizia sportiva, presieduta da Cosimo Sibilia, vicepresidente vicario della Figc e leader della Lega Dilettanti. Per quanto riguarda invece il Club Italia, che sarà strutturato come una vera società di calcio, la decisione sarà presa nel successivo consiglio federale, probabilmente il 17 dicembre.

Il presidente comunque sarà Gravina, il direttore generale Gianni Grazioli che non lascerà di certo il sindacato calciatori, mentre nel cda dovrebbero trovare spazio Perrotta, Ulivieri e forse Gianni Rivera che lascerà la presidenza del settore tecnico a Demetrio Albertini. Il settore giovanile e scolastico invece resterà nelle mani di Vito Tisci, che ha già avviato un importante lavoro sul territorio.

Oggi, inoltre, saranno fissate le linee guida delle licenze nazionali 2019-2020: e questo è un argomento importante e delicato, si vogliono dare certezze per le iscrizioni ai campionati dopo il caos di questa estate fra ridicole fidejussioni e ricorsi in serie. Caos che ha ancora strascichi nel corso della stagione: in serie C vanno ripristinati i diritti violati a molti club, tenuti in ballo per mesi. Chi non è in regola e non paga gli stipendi non può tenere campionati in ostaggio per alcuni mesi fra ricorsi a tribunali vari.

Non si sa ancora come sarà la serie B il prossimo anno: ora è a 19, nel suo programma Gravina parlava di 20 squadre, la C intanto chiede 7 promozioni… Un problema che prima o poi dovrà pur essere risolto. Le linee guida saranno pronte entro fine anno, proprio per evitare che si ripetano certi fenomeni poco allegri. La riforma dei campionati è basilare, Gravina ha promesso di venirne a capo nel suo mandato che scade fra due anni.

L’ex presidente Figc, Carlo Tavecchio, intanto è intervenuto sull’argomento: “Io ho lasciato nel cassetto un progetto ideale: Serie A con 18 squadre, Serie B con 20 e due gironi da 20 squadre ciascuno di Serie C, quindi il resto a fare da cuscinetto con l’Interregionale.

Non ci devono essere più di 70 club nei professionisti. Guardate all’estero come sono strutturati i campionati professionistici: basterebbe copiare”.Non sempre è facile copiare e Tavecchio lo sa bene perché, per anni, ha cercato di fare scendere la serie A a 18 squadre ma ha trovato resistenze insormontabili.

Fonte Repubblica.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.