Ravello: Sindaco chiede allontanamento del giornalista, poi sospende seduta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Nervi tesi ieri sera nel corso del Consiglio Comunale di Ravello tanto che il sindaco Salvatore Di Martino, in preda a un impulso di ira, ha chiesto l’allontanamento dalla sala del giornalista Emiliano Amato. Il direttore responsabile de Il Vescovado aveva chiesto al segretario generale Pasquale Marrazzo di placare le invettive del primo cittadino nei confronti della stampa libera. 

Argomento di discussione la chiusura della storica edicola di piazza Vescovado.

«Dire come ha fatto qualche giornalista sul quotidiano che il Comune non ha fatto niente evidentemente non conosce nemmeno la normativa che regola l’edicola, oramai è libera (la licenza ndr) la può prendere chiunque, il Comune non può costringere uno a dare gratuitamente un fabbricato. Quindi chi scrive queste cose dovrebbe saperle scrivere, non può azzardare sempre il Comune. Il Comune ha fatto cose bellissime in questo paese e lo stesso giornale di tutto ciò non ha mai parlato, la qualcosa deve preoccupare non me ma voi ravellesi, l’immagine di Ravello e gli operatori turistici di questo paese, che sponsorizzano (il giornale ndr)».

Durante il suo intervento il sindaco, seppur non citandolo, ha rivolto più volte il suo sguardo verso il direttore Amato seduto nella prima fila e che a quel punto chiede al segretario comunale di mettere a freno il primo cittadino, oramai a ruota libera nelle aspre critiche, ben identificabili verso la propria attività giornalistica.

Ed ecco che Di Martino va su tutte le furie: «Lei non deve parlare col segretario, deve stare zitto, la faccio allontanare, deve stare zitto, non mi può interrompere» mentre Amato (cittadino ravellese, già consigliere comunale), senza scomporsi, continua a difendere la propria linea, mai gradita all’avvocato e più volte in passato presa di mira.

«Non sto parlando di lei, sto dicendo: qualcuno scrive queste cose. Può darsi pure che parli di lei, poi me lo dirà in tribunale, mi citi in tribunale, adesso deve stare zitto» ribatte Di Martino che poi ha invitato l’agente della Polizia Locale ad allontanare il cronista dalla sala.

 

«Lo accompagna fuori per favore?» chiede alla vigilessa che, imbarazzata, indugia. «Certo che lo deve fare, lo prevede (il regolamento ndr)» ordina, ma immediatamente, in un attimo di lucidità, decide si sospendere la seduta così da poter consultare lo statuto per verificare la possibilità reale di allontanare il giornalista per “interruzione di pubblico servizio”.

Il regolamento è chiaro: il pubblico non può intervenire, né interrompere il regolare svolgimento Consiglio Comunale ma è anche vero che un componente del consesso non può rivolgersi a un componente l’uditorio come ha fatto Di Martino. Amato rimane in aula per tutta la durata dei lavori con Di Martino che non ha mai più fatto riferimenti alla stampa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.