Salerno Consorzio La Rada, Asili Nido in Rete: l’App per Genitori

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Gli stati generali del terzo settore dedicati all’educazione dell’infanzia si chiudono con due nuove sfide: la app che metterà in rete i genitori che portano i loro bambini negli asili nido comunali ed il progetto Crescere Insieme che vedrà nascere a Matierno un polo sperimentale per accogliere bambini con bisogni specifici nella fascia d’età 0-6 anni. Sfide lanciate dalConsorzio La Rada nell’ultimo atto della convention “L’approccio integrato 0/6 nell’educazione dei bambini” promosso insieme al Gruppo CGM – con il patrocinio della Regione Campania e del Comune di Salerno ed con il supporto diFondazione Banco di Napoli per l’Assistenza all’InfanziaFondazione della Comunità Salernitana Onlus e Bancaetica – che ha portato a Salerno centinaia di educatori e gli esponenti di tutti gli organismi del terzo settore che hanno fatto il punto sulle modalità operative con cui affrontare le recenti novità introdotte dalla Riforma 107.

La prima novità è quella legata alla app che sarà l’interfaccia di un software mediante il quale sarà possibile semplificare le comunicazioni con l’utenza che fruisce della rete degli asili nido comunali. I genitori potranno consultare in qualsiasi momento, anche da smartphone, tutto ciò che riguarda il loro bambino. Ci saranno gli aggiornamenti sulle attività; si potrà sapere cosa e quanto ha mangiato a pranzo; consultare avvisi e ricevere comunicazioni in tempo reale; visualizzare foto del bambino durante le attività giornaliere.

Il terzo settore e l’impegno pubblico/privato rappresentano la risposta ai mutati bisogni dei bambini e della comunità educante – spiega la presidente del Consorzio La Rada Elena Silvestri – ripartiamo dall’esperienza degli asili nido di Salerno perché è il segno evidente che quando ci sono sinergie si ottengono ottimi risultati. Siamo pronti a cogliere un’altra grande sfida che è la realizzazione del progetto Crescere Insieme che integra l’offerta dei servizi zero sei alle famiglie con bambini e famiglie presi in carico attraverso spazi di gioco educativi e sostegno alla genitorialità, lavoratori di animazione e sportello di ascolto fisici e digitali. Ci sarà un’attenzione specifica a circa 100 bambini con bisogni specifici  tra i 2 e i 4 anni che saranno seguiti (in una fase di età precedente alla diagnosi) attraverso la sperimentazione di un modello integrato che vede alleati esperti sanitari e della riabilitazione della Fondazione Antonino, gli educatori delle cooperative partner, gli insegnati e le associazioni dei genitori (Ale Campania e Autism Aid). A Salerno il Polo di Crescere Insieme nasce in un quartiere di frontiera a Matierno in collaborazione con L’Istituto comprensivo San Tommaso D’Aquino. Ne siamo davvero molto orgogliosi”.

Il polo di Salerno sarà inaugurato martedì 4 dicembre 2018 alle ore 10.00 presso il Plesso infanzia dell’Istituto Comprensivo Statale “San Tommaso D’Aquino”. Il Centro Bambini e Famiglie è un servizio con caratteristiche educative, ludiche, culturali e di aggregazione sociale per bambini da 12 a 36 mesi e per le loro famiglie. Sarà gestito dal consorzio La Rada ed è un delle attività finanziate dal progetto Crescere insieme in Campania finanziato dall’impresa sociale Con i Bambini soggetto attuatore del “Fondo per il contrasto della Povertà Educativa Minorile”.

IL PROGETTO CRESCERE INSIEME Il progetto è una risposta ai bisogni educativi specifici e circostanziati di bambini di età compresa tra 0 e 6 anni, con particolare riguardo a situazioni di fragilità, delle loro famiglie e degli educatori che quotidianamente si occupano di loro. Il progetto prevede l’attivazione di percorsi di integrazione tra servizi pubblici e del privato sociale per la prima infanzia in un’ottica di flessibilità e potenziamento dei servizi esistenti in termini sia quantitativi che qualitativi. Crescere insieme in Campania, attraverso i 7 Poli territoriali, caratterizzati dalla presenza statisticamente significativa del fenomeno della povertà educativa, ubicati nella città di Salerno, nelle Municipalità 3, 6 e 10 del Comune di Napoli, nelle città di Avellino, Benevento, Marcianise, intende accompagnare e supportare le famiglie con bambini in età prescolare e con maggiore fragilità, potenziando la rete dei servizi educativi pubblici e del privato sociale per la prima infanzia. A tal fine il progetto intende attivare comunità educanti che vedono come protagoniste: scuole, famiglie, esperti, terzo settore e associazioni territoriali. L’intervento intende sia potenziare i servizi presenti sul territorio, sia migliorarne l’accesso, con particolare attenzione ai bambini che presentano “bisogni educativi speciali” (BES). Nell’ottica del potenziamento dei servizi educativi esistenti in ciascun Polo è stato attivato un Centro bambini e famiglie e il servizio di pre e post accoglienza per i bambini iscritti ai nidi e alle scuole dell’infanzia. Si prevede altresì di potenziare i servizi educativi attraverso la realizzazione di laboratori destinati ai bambini e di iniziative a sostegno della genitorialità. Inoltre, si intende perfezionare strumenti e metodologie utili per individuare bambini con BES in età prescolare e sperimentare “Gruppi Locali Educativi” a loro rivolti. L’accesso ai servizi sarà garantito anche attraverso lo “Sportello unico per l’infanzia”, attivato in ciascun polo territoriale per facilitare l’accesso ai servizi sociali, socio-assistenziali, educativi e sanitari, in un’ottica di integrazione delle informazioni.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.