La sconfitta di Cittadella causata da errori individuali e mentali

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Pimpante (pur senza entusiasmare) per mezzora, la Salernitana si scioglie come neve al sole e al primo tentativo del Cittadella capitola. Ancora una volta la storia si ripete. In avvio i granata si fanno preferire rispetto ai padroni di casa, che pure mantengono il pallino del gioco (alla fine Iori e soci doppieranno i viaggianti in termini di possesso palla). In ripartenza i ragazzi di mister Colantuono creano le occasioni più nitide ma non riescono a concretizzarle.

Al contrario, i veneti al primo affondo fanno centro con un cross teso dalla sinistra, Migliorini e Gigliotti scalano in marcatura, Vitale lo fa con un attimo di ritardo che risulta fatale. Per Strizzolo fare 1-0 sembra davvero troppo facile. Mister Colantuono negli spogliatoi suona la carica e punta forte sul figliol prodigo Rosina (entrato al posto dell’acciaccato Gigliotti). Con un modulo più propositivo, la Salernitana ci mette 3 minuti per pareggiare i conti, approfittando di uno svarione dei centrali del Cittadella.

Il mancino calabrese raccoglie l’invito di Casasola, entra in area e fredda in diagonale Paleari. L’inerzia del match sembra destinata a cambiare e invece neanche 5 minuti dopo il team di casa torna in vantaggio, grazia a diversi errori: Rosina è troppo distante dal giocatore che va al cross, sul traversone morbido di Rizzo, Mantovani si lascia anticipare da Panico (non certo un marcantonio), Micai sembra sorpreso e non trattiene un pallone apparentemente innocuo, Schenetti è più lesto rispetto a Migliorini e il suo tap-in è vincente.

La partita della Salernitana praticamente finisce qui. I granata perdono la bussola e lo testimonia un episodio in particolare: su una rarissima verticalizzazione in area, Bocalon anziché calciare in corsa da posizione favorevole cerca di allargare il gioco a destra per Casasola e l’azione si perde tra lo stupore generale.

La palla persa in uscita da Vitale costa poi addirittura il terzo gol al passivo, firmato ancora da Strizzolo, bravo a concretizzare una superiorità numerica in contropiede. Al di là dell’errore tecnico, che si può verificare e ci può stare, la sensazione è che la Salernitana avesse mollato gli ormeggi e che, per questo, è andata incontro ad una punizione anche più severa di quella che meritasse effettivamente.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.