Sferra pugno a capotreno per non pagare: Polfer arresta nigeriano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Intorno alle 6,20 di ieri, il capotreno del treno regionale 3449, proveniente da Salerno e diretto a Paola, poco dopo la partenza del convoglio dalla stazione di Capaccio, mentre effettuava la consueta verifica dei titoli di viaggio a bordo del treno, si è imbattuto in un uomo di colore privo di biglietto, al quale ha chiesto di regolarizzare la propria posizione, comunicandogli che, diversamente, sarebbe dovuto scendere alla  fermata successiva. Nella stazione  di Paestum il viaggiatore pretendendo di proseguire il viaggio senza pagare, ha iniziato ad urlare ed inveire con veemenza verso il capotreno e  dopo essere sceso, prima  della chiusura delle porte,  lo ha improvvisamente  colpito con  violenza, sferrandogli un pugno al volto e facendolo cadere a terra sulla banchina ferroviaria, per poi dileguarsi nelle campagne circostanti.

Personale della Polizia Ferroviaria di Battipaglia accorso immediatamente  ha  diramato una nota di ricerca fornendo una descrizione dettagliata dell’aggressore riconoscibile, in particolare, per i capelli acconciati con delle vistose treccine  sulla parte superiore del capo ed i lati rasati e per alcuni dettagli del suo abbigliamento, allertando tutti gli uffici di Polizia della zona  e le Sottosezioni ed i Posti Polfer operativi lungo la linea ferroviaria interessata.

Dopo neanche mezz’ora  l’assalitore è giunto nella stazione di Battipaglia a bordo di un altro treno, senza immaginare che ad attenderlo c’erano gli  stessi poliziotti ai  quali  era sfuggito poco prima,  che lo hanno  immediatamente fermato  nonostante  tentasse di occultare con il cappuccio della felpa la sua appariscente ed originale capigliatura.

O.E. nigeriano, classe 1997,  è stato   condotto negli  Uffici dalla Polfer, a fatica, poiché nel tragitto  ha continuato a dimenarsi ed a strattonare i poliziotti.  Riconosciuto anche dal capotreno,  è stato  tratto in arresto per  resistenza e lesioni a P.U..

Il malcapitato ferroviere ha formalizzato la denuncia dopo essere  stato visitato presso il Pronto Soccorso del P.O. di Battipaglia,  e dimesso con diagnosi di Policontuso (trauma regione frontale sinistra, spalla e ginocchio destri, mano sinistra) e prognosi di giorni 6.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Che schifo!
    Vorrei mandare un buonista o perbenista qualsiasi che ancora difende l’indifendibile a prendere un treno in Nigeria e a provare ad aggredire il capotreno. …….
    Comunque, almeno a questi che delinquono abitualmente è possibile cacciarli, dato che oltre a fare danni sul territorio nazionale, altro non fanno?

  2. Grazie SINISTRI, epigoni di quel komunismo che ha portato e continua a portare, oggi con voi, ancora miseria e distruzione.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.