La pericolosa china del Lavoro che non c’è (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
In base all’ultimo Rapporto del Censis, la perdita di peso del lavoro come fonte di produzione di ricchezza è un processo ormai di lungo periodo che ha investito le economie avanzate e che riflette, da un lato, l’impatto crescente delle tecnologie sulla produttività del lavoro e, dall’altro, una ripresa della quota del prodotto interno lordo a favore del capitale.

Tra il 1975 e il 2015, in Italia la componente lavoro sul prodotto è scesa dal 61,5% al 54%, con una differenza di 7,5 punti percentuali. Tra il 2000 e il 2017, nel nostro Paese il salario medio annuo è aumentato in termini reali dell’1,4%. La differenza è pari a poco più di 400 euro annui, 32 euro in più se considerati su 13 mensilità. Nello stesso periodo, in Germania l’incremento è stato del 13,6%, quasi 5.000 euro annui in più, mentre in Francia il valore a fine periodo è maggiore di oltre 6.000 euro, cioè 20,4 punti percentuali in più. Se a inizio secolo il salario medio italiano rappresentava l’83% di quello tedesco, a distanza di 17 anni la forbice si è allargata di ben 9 punti, passando al 74%.

Tra il 2007 e il 2017, la componente degli occupati con età compresa tra 25 e 34 anni si è ridotta del 27,3%, pari a più di un milione e mezzo di giovani. All’interno di tale componente, la parte più pregiata, costituita dai laureati, aumenta solo del 10,1%, compensando in parte la perdita di capitale umano più in linea con i processi innovativi che il mercato richiede. Nello contempo, la classe di età 55-64 anni cresce del 72,8% e vede aumentare al proprio interno la parte di occupati con titolo di studio più elevato (+91,2%).

Il risultato finale non sembra però confortante: in dieci anni si è passati da 236 giovani occupati ogni 100 anziani a una sostanziale parità; mentre nel segmento più istruito, i 249 giovani laureati occupati ogni 100 lavoratori anziani laureati del 2007 sono diventati appena 143.

A rendere ancora più critica la situazione è la presenza di giovani in condizione di sottoccupazione, che nel 2017 ha caratterizzato il lavoro di 237.000 persone con età compresa tra 15 e 34 anni: un valore che è raddoppiato nell’arco di soli sei anni, così come è aumentato sensibilmente il numero di ragazzi costretti a lavorare part time pur non avendolo scelto: 650.000 nel 2017, 150.000 in più rispetto al 2011.

Questo non facile districarsi tra numeri e percentuali conduce, da ogni prospettiva, alla medesima, dolorosa conclusione, ovvero che quella occupazionale si sta, sempre più, trasformando da priorità a emergenza sociale, con pesanti riverberi non solo sul fronte economico per l’intero Paese, le imprese e ciascuna famiglia, ma anche per il deleterio effetto che tutto ciò produce persino nelle relazioni tra persone, insinuando tra esse di egoismo e indifferenza; creando nuove distanze e svilendo la ricchezza del confronto e della diversità.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.