Il ritorno del terrorismo, la lotta ai terrorismi (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Strasburgo riporta alla ribalta il terrorismo di casa europea, con quattro vittime di cui un giornalista italiano. Dopo un periodo di relativa quiete, il triangolo degli attentati Francia – Belgio – Germania si rianima ad opera di un criminale comune. Radicalizzato in carcere, è passato all’azione nel punto nevralgico delle passeggiate invernali: il mercatino di natale. Come in Germania tempo addietro. La simbologia è scelta apposta. Gli infedeli si apprestano a festeggiare nell’euforia del consumismo, i fedeli si trasformano i martiri a testimoniare la purezza.

Il DAESH s’intesta l’attentato a certificare che il Califfato è ancora attivo, malgrado le sconfitte sul terreno che ne hanno ridotto drasticamente il controllo territoriale in Iraq e Siria. Agisce in Europa grazie ai singoli individui “in sonno”,  che si svegliano al  richiamo che venga dal lontano centro strategico o dalle loro coscienze.

Il numero di attacchi portati a termine in Europa è diminuito rispetto agli anni di fuoco, la minaccia permane seria. Sono censiti migliaia di simpatizzanti, attivi specie in rete e all’interno di gruppi che si formano in carcere e fuori.

L’Italia presenta  livelli di radicalizzazione inferiori rispetto a quelli di altri stati europei. E questo secondo vari indicatori fra cui l’efficace azione di prevenzione da parte delle forze di sicurezza. L’attenzione resta elevata, nessun paese è in principio esente dalle aggressioni, specie nei momenti di maggiore concentrazione come le festività invernali ed estive.

Il terrorismo che si esercita in Europa è operato da cittadini europei di seconda e terza generazione, educati nelle nostre scuole ed abituati ai nostri costumi. Essi modificano il loro atteggiamento fino al rifiuto totale del sistema perché si radicalizzano in rete o rientrano in patria dopo essersi addestrati nelle zone dei combattimenti: sono i cosiddetti foreign fighters (combattenti stranieri).  La risposta europea non può che essere improntata alla massima fermezza senza per questo violare i principi fondamentali dei nostri ordinamenti.

Quando si tratta di Medio Oriente, il tema del terrorismo va trattato con cautela.  Fa perciò discutere quanto affermato dal Vice Presidente del Consiglio e Ministro dell’Interno che, in visita al confine fra Israele e Libano, definisce come terroristico il Partito libanese Hezbollah. Il Partito ha un doppio volto, militare e civile. Il militare lo vede schierato sul terreno contro il DAESH e contro Israele. Il politico lo vede partecipe del complesso gioco politico a Beirut con i suoi deputati al Parlamento.

La dichiarazione provoca la messa a punto del Ministero della Difesa a tutela della missione UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon). Questa è chiamata a sorvegliare il confine fra Israele e Libano, è composta  in massima parte da militari italiani, è guidata da un Generale dell’Esercito. Il suo mandato è delicato: porsi fra i contendenti dando prova di neutralità, che è la migliore garanzia per la sicurezza dei militari.

Anni fa a Hebron visitammo un contingente di Carabinieri, integrato da militari di altre nazioni, con l’incarico di vigilare sulla difficile vicinanza fra Israeliani e Palestinesi. I Carabinieri indossavano una divisa bianca a riprova anche esteriore della terzietà. Si distinguevano per determinazione e disponibilità verso le popolazioni: ne meritarono il rispetto.

L’Italia contribuisce in maniera significativa alle missioni ONU nel mondo per mantenere la pace. Grazie a questo sforzo entrammo in Consiglio di Sicurezza nel 2017 e siamo considerati fra i paesi di riferimento per la strategia generale delle Nazioni Unite. I nostri contingenti all’estero sono esposti a seri rischi. Stiamo  loro accanto con compostezza, sono la proiezione esterna dell’Italia coraggiosa.

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.