Panchina rovente: tanti allenatori disarcionati in 13 anni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
13 allenatori in sette anni di gestione Lotito – Mezzaroma. Dal Salerno Calcio ad oggi nell’era degli imprenditori romani si è viaggiato alla media di quasi due allenatori a stagione. Le dimissioni di Colantuono rappresentano l’ultima frontiera di questo valzer con il mister di Anzio che, nonostante il contratto blindato fino al 2020 ha rinunciato a 270mila euro per uscire a testa alta da questa vicenda in cui non era e non è l’unico responsabile. Ma quanto è difficile allenare a Salerno? Perché non si riesce, neppur in presenza di una programmazione pluriennale (vedi contratto lungo a Colantuono) a costruire qualcosa di solido e duraturo?

Solo colpa dei risultati o c’è dell’altro? Ad oggi sembra più facile vincere al superenalotto che restare incollati alla panchina granata per due anni di fila. Il primo cambio nel 2012 quando Perrone, il mister del Salerno Calcio non venne riconfermato per puntare sul salernitano Galderisi. Tre partite e Galderisi venne esonerato con richiamo di Perrone alla guida dei granata.

Nel 2013 – 2014 in prima divisione i cambi in panchina furono tre: inizialmente Sanderra per Perrone prima dell’inizio in campionato, poi stesso destino ma a parti invertite dopo un paio di mesi e infine spazio all’arrivo di Gregucci. A fine stagione le strade di Gregucci e della Salernitana si divisero ed il club granata puntò su Mario Somma. Altra esperienza negativa e naufragata all’alba del campionato con l’avvento di Menichini che raggiunse la serie B ma senza ottenere la riconferma.

Al suo posto Torrente fino a gennaio quando la società richiamò in gran fretta Menichini che riuscì ai play out a salvare la Salernitana. Risultato centrato ma niente riconferma ed ecco nel 2016 -2017 l’arrivo di Giuseppe Sannino che a dicembre lasciò la panchina a Bollini. Stessa sorte per l’ex Lazio che l’anno seguente venne rimpiazzato da Colantuono. Un anno dopo quel momento la Salernitana è punto e a capo confermando che quella granata è una panchina rovente

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. No rovente …è una presa x culo della società, noi siamo il “vivaio o il parcheggio della Lazio”.
    Meglio in C con una vera società che in B senza dignità!
    Secondi a nessuno

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.