Salernitana, vittoria di ‘Vitale’ importanza sul Foggia: ok Gregucci

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
Non ha voluto cambiare modulo e molti interpreti per il suo esordio sulla panchina granata Angelo Gregucci. Un 3-5-2 fatto però a differenza delle ultime apparizioni di Colantuono più di coraggio e pressing. Ma contro un buon Foggia non era facile fare la gara. Dauni, che togliendo la pesante penalizzazione, si troverebbero nelle zone che contano. E quindi la vittoria di oggi va vista come un punto di partenza del nuovo corso. Ovviamente questa squadra i difetti li ha, soprattutto nella costruzione della fase offensiva e nei suoi terminali. Unici brividi quelli causati da Bocalon poi il solito vuoto. Rossoneri bene in campo fino al doppio giallo a Gerbo di metà ripresa dove i satanelli anche per gli ingressi di Rosina e Mazzarani hanno abbassato il baricentro. Quando sembrava che il pareggio era cosa fatta Vitale al 91’ esplode un sinistro che Bizzarri può solo raccogliere in fondo al sacco. 1-0 e Natale salvato. Per il momento grazie Gregucci.

Quello di oggi è dunque il giorno del debutto sulla panchina granata di Angelo Gregucci per la terza volta a Salerno.  Il tecnico pugliese ha preso il posto di Colantuono che si era dimesso dopo la sconfitta di Carpi, la terza di fila.

A dispetto di quanto trapelato alla vigilia del match di oggi contro il Foggia a sorpresa, Gregucci, schiera la sua squadra sulla falsa riga di quella di Colantuono, ovvero con un 3-5-2 classico. In difesa, fuori Mantovani dentro Migliorini con Schiavi e Gigliotti. A centrocampo, rientra Castiglia mentre Casasola scalza a sorpresa Pucino sulla destra. Dal lato mancino riecco Vitale. Inamovibile Di Tacchio con Akpa Akpro e Castiglia ai suoi lati. In attacco la coppia è Bocalon-Jallow, Rosina in panchina.

Identico modulo per il Foggia gestione Padalino che a sostituito Grassadonia esonerato l’altra settimana. Dinanzi a Bizzarri Boldor (Tonucci out per infortunio nel riscaldamento) Loiacono e Ranieri. Mediana con gli ex Cicerelli, Busellato ed Agnelli oltre a Gerbo e Kragl. Attacco formato dal forte Iemmello e l’ex Mazzeo. Arbitra Baroni di Firenze.

LA PARTITA

Cielo nuvoloso sull’Arechi e pubblico non certo delle grandi occasioni sia per l’orario delle 12.30 e sia per l’andamento della squadra granata. Nutrita la rappresentanza di tifosi foggiani in curva nord (oltre 1200). Tutto tranquillo sotto il profilo ordine pubblico. Fase di studio nei primi minuti.

Primo squillo è di Iemmello al 5’ sfera di poco alta. Dopo due minuti Castiglia svincola Vitale fermato da Gerbo fallosamente: primo giallo del match. La punizione non viene sfruttata. Al 20’ una discesa di Vitale non viene capitalizzata. Iemmello dall’altra parte ha campo ma non serve preciso a Mazzeo in area, l’azione sfuma. Al 26 bomba di Kragl dalla distanza, Micai si supera in corner. I granata sulla ripartenza con Jallow sfumano una buona palla gol. Al 38’ la prima palla gol, Vitale la lavora bene sulla sinistra, cross basso per Bocalon che di sinistro spara su Bizzarri in uscita. Ancora il portiere esperto rossonero su Bocalon chiude un pericolo granata. Dopo un giallo a Castiglia e un altro tiro di Kragl dalla distanza finisce un buon primo tempo.

SECONDO TEMPO

Ripresa che comincia con gli stessi schieramenti della prima frazione. Al 48’ Boldor per fermare Jallow si becca il giallo. Prima occasione è per Mazzeo sfera alta. Ma dopo quattro minuti è Micai ha fare la parata salva risultato su Iemmello, sfera deviata out. Gregucci inserisce Pucino per Casasola e poi Rosina per Castiglia. Schiavi sul taccuino di Baroni per fallo su Mazzeo. Entra Zambelli nel Foggia in luogo di Cicerelli. Intanto fallo di Gerbo, secondo giallo e dauni in dieci. Gregucci gioca la carta Mazzarani per Schiavi infortunato. Padalino ordina il cambio Rubin per Mazzeo. I granata iniziano a pressare, colpo di testa di Migliorini sfera out di poco. Negli ospiti è il turno di Carraro per Agnelli. I granata accelerano ma senza convinzione e quando sembrava che il pareggio era cosa fatta per i satanelli Vitale al 91’ esplode un sinistro che Bizzarri può solo raccogliere in fondo al sacco. 1-0 e Natale salvato. Per il momento grazie Gregucci.

TABELLINO SALERNITANA-FOGGIA 1-0

SALERNITANA (3-4-1-2): Micai; Schiavi (28’ st Mazzarani), Migliorini, Gigliotti; Casasola (12’ st Pucino), Akpa Akpro, Di Tacchio, Vitale; Castiglia (14’ st Rosina); Jallow, Bocalon. A disp. Vannucchi, Mantovani, A.Anderson, Djuric, Bellomo, Palumbo, Orlando, D.Anderson, Lazzari. All. Gregucci.

FOGGIA (3-5-2): Bizzarri; Loiacono, Boldor, Ranieri; Cicerelli (26’ st Zambelli), Gerbo, Agnelli (39’ st Carraro), Busellato, Kragl; Mazzeo (30’ st Rubin), Iemmello. A disp. Sarri, Noppert, Cavallini, Galano, Boldor, Arena, GoriAll: Di Corcia (Padalino squalificato).

ARBITRO: Sig. Niccolò Baroni di Firenze (Dei Giudici/Rossi) IV uomo: Marini.

NOTE. Marcatore: 47’ st Vitale (S); Ammoniti: Castiglia, Schiavi (S), Gerbo, Boldor (F); Angoli: 6-4; Recupero: 1’ pt – 7’ st; Spettatori: 9730 di cui 1215 da Foggia; Espulso Gerbo (F) al 26’ st per doppia ammonizione.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. Ma Casasola,non sarebbe meglio che cambiasse mestiere? Ho visto un pò il secondo tempo, e mi ha colpito questo Casasola,proprio una sola.

  2. Vitale farebbe bene a farsi un’esame di coscienza prima di cantare vittoria x il gol della domenica…..

  3. vittoria casuale, ottenuta grazie alla superiorità numerica. Attacco scandaloso, centrocampo scarso

  4. Curvq scandalosa ? So 15 anni che la curva è scandalosa ….ridicoli allo stato puro …sn la vergogna e la rovina di questa città…la gente ride quando solo a vederli…

  5. Per niente di nuovo, sono passati 2 giorni dal cambio allenatore, cosa ti aspettavi? Diamogli un po’ di tempo e poi le conclusioni…

  6. Oggi mi sono vergognato, si sentivano più i foggiani che la Sud ….
    Siamo in caduta libera, ci sono tre micro zone in cui si canta poi
    diventata Tribuna la curva sud.
    Gente vicino le balaustre che si fuma il sigaro, capo ultra che non interviene?
    Vi ricordate Ciccio Rocco e Carmine che andavano a strigliare i settori che non cantavano?
    Ci si deve compattare e far capire che nella Sud(almeno sotto) non si viene a fare le sfilate, sembra un ritrovo da bar, si devono vergognare ….state infangando la memoria del Siberiano.

  7. Dove è finita la curva sud??????????????
    Quella meravigliosa onda granata è introvabile.Se lo stanno chiedendo in tanti non solo a Salerno.Ricordiamoci chi siamo e cosa eravamo e cosa possiamo ancora essere.Oggi sul campo abbiamo vinto,ma sugli spalti e stato 0a1.Riflettete …………..
    Dovete ricompattarvi tutti insieme.Ciao e forza Salerno per sempre,ovunque nel mondo.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.