Disobbedire al Decreto Sicurezza? De Luca: ”Non mi convince”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
“Non mi convince la disobbedienza dei sindaci” sul decreto sicurezza. Lo ha detto il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, anche “se nel merito i Comuni hanno pienamente ragione”. “Si rischiano di avere decine di migliaia di persone che non hanno avranno più il permesso di soggiorno e che finiranno nelle strade”, ha detto ancora De Luca “con effetti paradossali”. I sindaci “avrebbero dovuto aprire un contenzioso con il Governo a inizio a dicembre e non a inizio gennaio”.
Il problema sicurezza, ha detto ancora il Governatore della Campania, “ha due facce. Va affrontato in maniera non ideologica, abbassando i toni. E se tu non sei in grado di rispedire i clandestini nei paesi di origine, i problemi li ha aggravati e non li ha risolti. Spero che si apra un confronto nel merito per affrontare il problema, con una soluzione ragionevole e prorogando i tempi, senza danneggiare nessuno”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. L’unico che mostra sempre pragmatismo nell’affrontare i problemi.

    Il governo dell’affondamento affronta i problemi in un eterna campagna elettorale con soluzioni semplicistiche e demagogiche, le opposizioni, tutte, si perdono in pagliacciate e si rendono ancora più ridicole dopo che, a turno, hanno devastato il paese.

    Pagliacci, da entrambe le parti.

  2. Fra poco metteranno pure la TASSA DI RIMPATRIO!!!
    Chi fraveca e sfraveca………

  3. E i nuovi dovrebbero risolvere i problemi economici dell’Italia?..ci stanno facendo sprofondare,2 ignorantelli al comando che sanno solo presenziare sui social…che schifo!

  4. È bello parlare e sparare a zero su tutti. Accendere i fumogeni e pensare di aver risolto tutto. I governi precedenti non hanno mai affrontato il problema seriamente perché qualcuno ci guadagnava. Ora si sta provando a fare qualcosa per regolamentare i flussi, come fanno nella maggior parte del mondo, ma avendo toccato degli interessi si contesta.

  5. Ma Salvini non aveva detto che avrebbe rimpatriato i 600000 irregolari?Con la sua legge li ha difatto resi irregolari e cacciasse adesso i soldi e li riaccompagni lui con la sua pletora..facile sparare cazzate sui social,altro é governare!

  6. Due ignorantelli che fanno leva su persone sfigate: mi spiego meglio. Fino a due anni fa, persone ignoranti erano rintanate nei ghetti rappresentati dalle loro abitazioni. Nel loro Habitat. Oggi queste persone, vedendo due persone che senza laurea governano una nazione, non propriamente il condominio, hanno preso forza e ora dicono “avete visto??? La laurea non serve, ha ragione Matteo (Salvini)”. Oggi purtroppo chi ci contraddice queste persone è scomodo, vuole atteggiarsi a profeasore, radical chic.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.